GARCIA, BUNGA BUNGA? NON INVITATO A 'FIESTA'

(AGI) - Sanremo, 16 feb. - "Non conosco il bunga bunga. Nonsono stato invitato a hesta fiesta...". Sorriso sornione esguardo furbo e attento, lineamenti del viso rilassati, AndyGarcia risponde cosi' a una domanda in sala stampa al RoofAriston dove e' arrivato per un improvvisato incontro con igiornalisti dopo essere stato ospite del Festival di Sanremo.Sembrava sulle prime che l'attore non volesse ammettere domandee che volesse solo fare una dichiarazione, ma poi e' stato luistesso a rompere il ghiaccio e a chiedere che gli venisseroposte, mettendosi pazientemente a disposizione: "Se nonrispondo

GARCIA,  BUNGA BUNGA? NON INVITATO A 'FIESTA'

(AGI) - Sanremo, 16 feb. - "Non conosco il bunga bunga. Nonsono stato invitato a hesta fiesta...". Sorriso sornione esguardo furbo e attento, lineamenti del viso rilassati, AndyGarcia risponde cosi' a una domanda in sala stampa al RoofAriston dove e' arrivato per un improvvisato incontro con igiornalisti dopo essere stato ospite del Festival di Sanremo.Sembrava sulle prime che l'attore non volesse ammettere domandee che volesse solo fare una dichiarazione, ma poi e' stato luistesso a rompere il ghiaccio e a chiedere che gli venisseroposte, mettendosi pazientemente a disposizione: "Se nonrispondo alle domande che ci sto a fare qui?".

Tante allora ledomande, a cominciare da quella sul regista italiano con cuigli piacerebbe girare un film. "Vorrei lavorare con Bertolucci,e' un grande maestro", la risposta. Al momento comunque nessunprogetto cinematografico in Europa, tantomeno in Italia. Mentre"stiamo finalizzando un film su Hemingway con Anthony Hopkins".Nessun viaggio a breve termine in Russia, ha risposto a ungiornalista di quel Paese, "sono stato in Georgia per girare unfilm, non e' molto lontano da li'". Tra i ruoli che vorrebbeinterpretare, quello di Cyrano de Bergerac, "pero' mi piaccionoruoli legati alla mia cultura, l'indipendenza". Poi una domandapolitica sul futuro di Cuba, ovvero se Garcia pensa chepartendo dall'esempio di quanto sta accadendo in Medio Orientee nei paesi del Mediterraneo si possa prevedere qualcosa disimile anche per Cuba. "Quello che sta succedendo nell'area delMediterraneo puo' essere solo di ispirazione per altri Paesi,dove c'e' un regime totalitario. A Cuba c'e' questo regime da50 anni", e comunque "non ci puo' essere alcun compromesso perla liberta'".

E sulla mafia, tema che Andy Garcia conosce peraver interpretato diversi ruoli in film ad essa dedicati, pensache ci siano novita'? "Non sono un esperto, la conosco soloperche' faccio parti nei film. So che il problema esiste ancorain Italia, ci sono situazioni difficili ma non sono al correnteal punto tale da fare commenti sulla mafia, su Cosa Nostra". El'Italia in genere che impressione fa all'attore? "Bellissima,tutte le citta' rivierasche sono belle, ma devo dire che nonesiste in Italai una citta' che non sia bella". Infine ilfestival di Sanremo: c'e' un cantante che gli piaccia comeinterprete? "Il presentatore, Morandi".