A RISCHIO IL PRIMO RED CARPET DEL FESTIVAL

(AGI) - Roma, 26 ott. - Il mondo del cinema in rivolta. Dopol'assemblea convocata ieri al Teatro Eliseo, che ha visto lapartecipazione di circa 800 persone appartenenti ad ogniassociazione di categoria del mondo del cinema, compresisindacati, Agis, Anica e Apt, e' stata decisa un'iniziativaclamorosa per "ottenere un cambio di rotta" da parte delgoverno: il blocco del 'red carpet' la sera dell'inaugurazionedel Festival di Roma. Come spiegano gli organizzatori dellamanifestazione, "per far fronte alla grave situazione del mondodel cinema e dell'audiovisivo e ottenere un cambio di rottadella politica del governo, si

A RISCHIO IL PRIMO RED CARPET DEL  FESTIVAL

(AGI) - Roma, 26 ott. - Il mondo del cinema in rivolta. Dopol'assemblea convocata ieri al Teatro Eliseo, che ha visto lapartecipazione di circa 800 persone appartenenti ad ogniassociazione di categoria del mondo del cinema, compresisindacati, Agis, Anica e Apt, e' stata decisa un'iniziativaclamorosa per "ottenere un cambio di rotta" da parte delgoverno: il blocco del 'red carpet' la sera dell'inaugurazionedel Festival di Roma. Come spiegano gli organizzatori dellamanifestazione, "per far fronte alla grave situazione del mondodel cinema e dell'audiovisivo e ottenere un cambio di rottadella politica del governo, si e' deciso che tutte le categoriedel settore, in modo assolutamente unitario, conducano nellungo periodo una serie di mobilitazioni (compreso uno scioperoorganizzato dai sindacati) da preparare in tavoli permanentitra tutte le associazioni interessate. La prima azione diquesto progetto - spiegano - prevede il blocco del 'red carpet'al festival del cinema di Roma, giovedi' 28 ottobre. Lemodalita' dell'azione verranno pianificate nell'ambito delpresidio permanente alla Casa del Cinema". Gli organizzatoridella protesta invitano poi "chiunque sia interessato apartecipare all'organizzazione della mobilitazione" ad unirsial comitato organizzatore che si incontrera' alla Casa delCinema, sala kodak, a partire da oggi alle 12. La protesta,inoltre, corre anche sul web: e' possibile trovare notizieanche sulla pagina facebook "Tutti a casa", contrassegnata dauna fotografia con uno striscione con questa stessa scritta. .



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it