Sgarbi show: hanno buttati soldi pubblici per opere inutili

(AGI) - Rho (Milano), 23 giu. - A Expo Milano 2015 sono stati"spesi soldi inutilmente", almeno secondo Vittorio Sgarbi.All'interno dello spazio di Eataly, dove il critico d'arte haallestito la mostra 'I Tesori d'Italia', finanziata da OscarFarinetti, Sgarbi ha difeso a spada tratta le operazioni chevedono il privato scendere in campo per sostenere questeinziative, puntando invece il dito contro gli investimentipubblici giudicati di dubbia efficacia, come quelli per PalazzoItalia e anche per le installazioni ideate dallo scenografoDante Ferretti e realizzate a Cinecitta'. "Sono operesostanzialmente non necessarie - ha spiegato Sgarbi -

(AGI) - Rho (Milano), 23 giu. - A Expo Milano 2015 sono stati"spesi soldi inutilmente", almeno secondo Vittorio Sgarbi.All'interno dello spazio di Eataly, dove il critico d'arte haallestito la mostra 'I Tesori d'Italia', finanziata da OscarFarinetti, Sgarbi ha difeso a spada tratta le operazioni chevedono il privato scendere in campo per sostenere questeinziative, puntando invece il dito contro gli investimentipubblici giudicati di dubbia efficacia, come quelli per PalazzoItalia e anche per le installazioni ideate dallo scenografoDante Ferretti e realizzate a Cinecitta'. "Sono operesostanzialmente non necessarie - ha spiegato Sgarbi - e sipoteva risparmiare denaro. Invece lo Stato ha buttato soldi peruna cosa che va bene per un film ma non qui. Cosi' Expo diventail posto dove l'Italia mostra cose insensate perche' se haiCaravaggio non si capisce perche' mostri Ferretti. Invece qui -ha aggiunto riferendosi alla mostra da lui curata - c'e' unprivato che mette soldi per fare questa mostra piena dicapolavori e Cantone indaga". Sgarbi ha quindi tuonato controil presidente dell'Anac, denunciando l'attenzione riservataalla presenza di Farinetti e Eataly a Expo, con la mancanza diuna gara, e al contempo la non uguale solerzia a voler vedercichiaro in quelli che a suo parere sarebbero davvero sperperi didenaro pubblico. "Il signor Cantone - ha detto Sgarbi - non havinto quell'incarico per concorso, ma e' stato prescelto daRenzi come Sala ha fatto con Farinetti perche' aveva deirequisiti particolari. Qui sono stati spesi 100 milioni per ilpadiglione Italia che e' un vero cesso, soldi buttati anche perCelant e Rampello che ha un padiglione che si chiama zeroperche' tale e' la sostanza di quello che rappresenta, e dov'e'Cantone?". Il critico ha quindi accompagnato il commissariounico di Expo, Giuseppe Sala, a vedere la mostra e, inparticolare, le ultime opere arrivate, annunciandol'intenzione, al termine dell'Expo, di farne un'antologia eportarla alla Venaria Reale. Nel pomeriggio aveva fatto tappaalla visita anche il ministro alla Cultura, Dario Franceschini.che l'ha definita "molto originale. Mette insieme molte opereitaliane, famose e meno famose - ha detto -. Sicuramente per ivisitatori di Expo e' l'occasione di vedere una parte dell'arteitaliana". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it