Prevenire i tumori a tavola: si' ai cerali, no alla carne

(AGI) - Rho (Milano), 30 set. - Mantenere un corretto stile divita a tutte le eta', con una drastica riduzione quotidiana ditutti i cibi fortemente calorici, e' estremamente rilevante perla prevenzione dei tumori. A Expo Milano 2015, in occasione diuno degli appuntamenti organizzati dal Ministero della Salute,la biologa nutrizionista dell'Universita' di Milano e espertaAirc, Anna Villarini, ha spiegato prima nello spazio donna epoi al vivario scuola la stretta connessione tra alimentazionee patologie neoplastiche. "Studi scientifici - ha spiegatoVillarini - evidenziano che esistono alimenti legatiall'insorgenza di malattie oncologiche, come le carni

(AGI) - Rho (Milano), 30 set. - Mantenere un corretto stile divita a tutte le eta', con una drastica riduzione quotidiana ditutti i cibi fortemente calorici, e' estremamente rilevante perla prevenzione dei tumori. A Expo Milano 2015, in occasione diuno degli appuntamenti organizzati dal Ministero della Salute,la biologa nutrizionista dell'Universita' di Milano e espertaAirc, Anna Villarini, ha spiegato prima nello spazio donna epoi al vivario scuola la stretta connessione tra alimentazionee patologie neoplastiche. "Studi scientifici - ha spiegatoVillarini - evidenziano che esistono alimenti legatiall'insorgenza di malattie oncologiche, come le carnisoprattutto rosse o quelle conservate come salumi o carni inscatola che contengono spesso additivi che diffondono sostantecancerogene". Anche le bevande zuccherate - ha proseguito Villarini -,tra le quali i succhi di frutta, hanno correlazione conl'aumento del rischio di tumori perche' incidono sul peso".Dall'altro lato della medaglia, ci sono invece alimenti che,costituendo una dieta quotidiana, possono prevenire il rischiodi cancro: "cereali integrali - ha sottolineato Villarini -,legumi, verdure e frutta sono raccomandati dal codice europeoper la prevenzione, ai quali si possono abbinare modestequantita' di fonti proteiche come pesce, uova, carni bianche,latte e derivati purche' a basso contenuto di grassi". Quantoai piu' piccoli, l'esperta ha richiamato la loro attenzionesull'importanza di controllare il peso per diventare "adultisani" e quindi sviluppando la loro coscienza critica sulconsumo di bevande zuccherate, patatine fritte e merendine.(AGI).