In gravidanza tenere sotto controllo peso e glicemia

(AGI) - Rho (Milano), 24 set. - Una corretta alimentazione e'una condizione indispensabile per garantire il buon esito dellagravidanza. In uno degli appuntamenti organizzati a Expo dalministero della Salute, il responsabile di diabetologiadell'Ospedale Niguarda, Matteo Andrea Bonomi, la diabetologaGiuseppina Baio e il responsabile di diabetologia dell'aziendaospedaliera di Vimercate, Giuseppe Marelli, hanno spiegato leraccomandazioni per la nutrizione in gravidanza contenute in undocumento messo a punto da un gruppo di lavoro formato dalletre istituzioni scientifiche, vale a dire l'associazione medicidiabetologi, la societa' italiana di diabetologia, el'associazione italiana di dietetica e nutrizione

(AGI) - Rho (Milano), 24 set. - Una corretta alimentazione e'una condizione indispensabile per garantire il buon esito dellagravidanza. In uno degli appuntamenti organizzati a Expo dalministero della Salute, il responsabile di diabetologiadell'Ospedale Niguarda, Matteo Andrea Bonomi, la diabetologaGiuseppina Baio e il responsabile di diabetologia dell'aziendaospedaliera di Vimercate, Giuseppe Marelli, hanno spiegato leraccomandazioni per la nutrizione in gravidanza contenute in undocumento messo a punto da un gruppo di lavoro formato dalletre istituzioni scientifiche, vale a dire l'associazione medicidiabetologi, la societa' italiana di diabetologia, el'associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica,spiegando quanto sia importante tenere d'occhio peso e glicemiae la giusta alimentazione per trasferire al feto i nutrientinecessari allo sviluppo. In gravidanza e' dunque consigliataun'alimentazione varia ed equilibrata che includa ogni giorno idiversi gruppi di alimenti: almeno 5 porzioni di frutta everdura, farinacei come pasta, pane, riso, patate, proteinederivate da carne, pesce, legumi, abbondanza di fibre derivateda pane integrale, frutta e verdura, prodotti caseari comelatte, formaggi, yogurt. "E' importante avere una dietapersonalizzata - ha spiegato Marelli - che non deve esserefatta in casa, ma e' necessario rivolgersi allo specialista ebasata sul peso pre-gravidanza. Le regole base prevedonoun'alimentazione ricca di vitamine e oligoelimenti". L'espertoha spiegato che "ci sono tre macronutrieni: i carboidrati, igrassi e le proteine. Mentre il fabbisogno dei primi noncambia, di proteine in gravidanza ne servono molte di piu', nontanto nel primo trimestre, ma nel secondo e nel terzo laquantita' di proteine va raddoppiata. Vanno bene in particolarele proteine ad alto valore biologico come carne, latte, uova elegumi. Inoltre - ha aggiunto Marelli - e' importante lasuddivisione dei pasti che devono essere 6: 3 principali e 3spuntini. Attenzione poi allo spuntino serale per evitareipoglicemia mattutina e chetosi, per il quale va bene anche dellatte con biscotti". .