Epigenetica spiegata a ragazzi, cibo fa la differenza

(AGI) - Rho (Milano), 14 ott. - Si chiama 'epigenetica' e laricercatrice dell'Inail, Elena Sturchio, l'ha spiegata airagazzi del liceo scientifico De Sanctis e dell'Istituto aindirizzo sperimentale Di Vittorio presso lo Spazio scuola diPalazzo Italia a Expo Milano 2015. "Noi insieme al genoma checi viene trasferito dai caratteri dei genitori - ha spiegato -prendiamo anche un altro tipo di informazioni chiamateepigenoma", ossia "quelle piccole modifiche chimiche che vannoa trasformare il nostro Dna in base a situazioni ambientali".Tra questi stimoli ambientali sono annoverate anche leabitudini alimentari e un sano stile di

(AGI) - Rho (Milano), 14 ott. - Si chiama 'epigenetica' e laricercatrice dell'Inail, Elena Sturchio, l'ha spiegata airagazzi del liceo scientifico De Sanctis e dell'Istituto aindirizzo sperimentale Di Vittorio presso lo Spazio scuola diPalazzo Italia a Expo Milano 2015. "Noi insieme al genoma checi viene trasferito dai caratteri dei genitori - ha spiegato -prendiamo anche un altro tipo di informazioni chiamateepigenoma", ossia "quelle piccole modifiche chimiche che vannoa trasformare il nostro Dna in base a situazioni ambientali".Tra questi stimoli ambientali sono annoverate anche leabitudini alimentari e un sano stile di vita che possonoinfluenzare questi cambiamenti epigenetici. Ai ragazzi e' statomostrato un filmato in cui si vedono due cromosomi omozigoti,quindi inizialmente identici, ma alla fine completamentediversi a causa delle scelte di vita non omogenee, cheespongono a tipi di patologie diverse. (AGI)