Banco Alimentare, in Italia 1 su 10 non fa pasto regolare

(AGI) - Rho (Milano), 30 giu. - In Italia 1 persona su 10soffre di poverta' alimentare e non e' in grado di permettersiun pasto regolare, di questi 1,3 milioni sono minorenni. Semprepiu' persone non possono permettersi un pasto con unacomponente proteica ogni due giorni, e questo dato e' piu' cheraddoppiato dal 2007, passando dal 6% delle famiglie al 14%. E'quanto emerge dalla ricerca 'Food Poverty Food Bank' presentataa Expo dal Banco Alimentare, in base alla quale il 65% degliEnti convenzionati col Banco stesso ha dichiarato un aumentotra moderato e forte dei

(AGI) - Rho (Milano), 30 giu. - In Italia 1 persona su 10soffre di poverta' alimentare e non e' in grado di permettersiun pasto regolare, di questi 1,3 milioni sono minorenni. Semprepiu' persone non possono permettersi un pasto con unacomponente proteica ogni due giorni, e questo dato e' piu' cheraddoppiato dal 2007, passando dal 6% delle famiglie al 14%. E'quanto emerge dalla ricerca 'Food Poverty Food Bank' presentataa Expo dal Banco Alimentare, in base alla quale il 65% degliEnti convenzionati col Banco stesso ha dichiarato un aumentotra moderato e forte dei propri assistiti, in particolareadulti italiani, persone disoccupate, indebitate e separate odivorziate che chiedono di poter ricevere un pacco alimentare.La principale causa di poverta' nel 2014 e' stata nell'80% deicasi la perdita del lavoro. "La poverta'" - rileva lo studio - "sembra una condizionein via di cronicizzazione nel nostro Paese, dove nel 2014 il47% degli Enti non ha segnalato persone uscite dalla condizionedi bisogno, percentuale che sale al 57% nelle aree del sud dovela poverta' e' quantitativamente piu' diffusa e piu'persistente". "Questa indagine sulla poverta' alimentare inItalia", ha affermato Giancarlo Rovati, docente di Sociologiaalla Universita' Cattolica di Milano e curatore della ricerca,"fotografa due mondi in stretto rapporto tra loro: il mondo dichi soffre i disagi della poverta' e il mondo di chi cerca dialleviarli e sconfiggerli. Le risorse per la lotta allapoverta' vanno pero' sensibilmente aumentate per passare dallafase, insostituibile, della assistenza a quella dell'inclusionesociale". "Questi dati rappresentano la portata della sfida,per questo abbiamo voluto rafforzare il sostegno agliindigenti, portando a 100mila tonnellate il cibo distribuitoquest'anno con il nostro programma di aiuti. E con il ministerodel Lavoro abbiamo stanziato oltre 400 milioni di euro fino al2020, sfruttando al meglio anche le risorse europee", ha dettoil ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina. (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it