Ue: Moscovici, a marzo tutto 'aperto' su Italia e Francia

(AGI) - Bruxelles, 8 dic. - Rinviando di qualche mese l'esamepiu' approfondito sulla situazione dei conti pubblici di alcunipaesi (Italia, Francia e Belgio) che rischiano di nonrispettare gli impegni del patto di stabilita' e crescita, laCommissione "non ha voluto prendere decisioni precipitose" maper marzo "tutte le possibilita' sono aperte". In particolare,ha detto il commissario agli Affari economici e finanziariPierre Moscovici prima dell'Eurogruppo, l'esame di marzo sara'fatto "tenendo conto da un lato della situazionemacroeconomica, dall'altra degli sforzi fatti dagli stati perridurre il deficit strutturale e fare riforme strutturali". Inogni caso,

(AGI) - Bruxelles, 8 dic. - Rinviando di qualche mese l'esamepiu' approfondito sulla situazione dei conti pubblici di alcunipaesi (Italia, Francia e Belgio) che rischiano di nonrispettare gli impegni del patto di stabilita' e crescita, laCommissione "non ha voluto prendere decisioni precipitose" maper marzo "tutte le possibilita' sono aperte". In particolare,ha detto il commissario agli Affari economici e finanziariPierre Moscovici prima dell'Eurogruppo, l'esame di marzo sara'fatto "tenendo conto da un lato della situazionemacroeconomica, dall'altra degli sforzi fatti dagli stati perridurre il deficit strutturale e fare riforme strutturali". Inogni caso, oggi Moscovici si aspetta "un sostegno chiaro" daparte dell'Eurogruppo alle opinioni della Commissione, chegiudica "giuste ed equilibrate": infatti, ha concluso, "laCommissione ha il suo ruolo ma ha bisogno del sostegno degliStati". (AGI).