Renzi, italiani non abbiano paura della crisi greca

(AGI) - Roma, 4 lug. - "L'Ialia non ha paura di conseguenzespecifiche sul nostro paese: 3 o 4 anni fa eravamo il problemainsieme alla Grecia, eravamo compagni di sventura, adesso none' piu' cosi' grazie alle riforme e alla ripartenzadell'economia. Noi siamo dalla parte di quelli che cercano dirisolvere il problema, non siamo piu' il problema". Lo ha dettoil premier Matteo Renzi al Tg5. "Anche i denari messi da parte per la Grecia - ha spiegato- gia' sono computati nel conto del debito. Quindi, gliitaliani non devono avere paura. Certo c'e' una questione

(AGI) - Roma, 4 lug. - "L'Ialia non ha paura di conseguenzespecifiche sul nostro paese: 3 o 4 anni fa eravamo il problemainsieme alla Grecia, eravamo compagni di sventura, adesso none' piu' cosi' grazie alle riforme e alla ripartenzadell'economia. Noi siamo dalla parte di quelli che cercano dirisolvere il problema, non siamo piu' il problema". Lo ha dettoil premier Matteo Renzi al Tg5. "Anche i denari messi da parte per la Grecia - ha spiegato- gia' sono computati nel conto del debito. Quindi, gliitaliani non devono avere paura. Certo c'e' una questionepolitica, la situazione e' complessa: ma smettiamo diraccontare l'Italia come il malato d'Europa. Non siamo piu' ilmalato d'Europa". Quanto alla lotta al terrorismo, il premier ha spiegato che "il presidente Obama ci telefona per farci i complimenti, e inItalia scoppiano le polemiche. Ma come e' possibile?". (AGI).