Migranti: Ue accantona divisioni, "hotspot entro novembre"

(AGI) - Bruxelles, 24 set. - I capi di Stato e di governo Ue,confrontati ancora una volta in un vertice notturno (duratooltre 6 ore) sull'emergenza immigrazione, l'hanno definita "unacrisi senza precedenti", e hanno raggiunto l'obiettivo,dichiarato dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, diaffrontarla superando le divisioni che si sono evidenziatenelle ultime settimane. Soprattutto rispetto a quei paesi,Slovacchia Repubblica ceca Ungheria e Romania, che ieri hannovotato contro il meccanismo di redistribuzione di 120 milaprofughi da Italia e Grecia. Questa sera i leader hanno fatto"un passo avanti molto significativo" secondo il presidente

(AGI) - Bruxelles, 24 set. - I capi di Stato e di governo Ue,confrontati ancora una volta in un vertice notturno (duratooltre 6 ore) sull'emergenza immigrazione, l'hanno definita "unacrisi senza precedenti", e hanno raggiunto l'obiettivo,dichiarato dal presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, diaffrontarla superando le divisioni che si sono evidenziatenelle ultime settimane. Soprattutto rispetto a quei paesi,Slovacchia Repubblica ceca Ungheria e Romania, che ieri hannovotato contro il meccanismo di redistribuzione di 120 milaprofughi da Italia e Grecia. Questa sera i leader hanno fatto"un passo avanti molto significativo" secondo il presidente delConsiglio Matteo Renzi. Fra le "misure prioritarie" deciseoggi, quella che prevede che, entro il mese di novembre "alpiu' tardi", saranno realizzati i cosiddetti "hotspot" neiquali le istituzioni e le agenzie assisteranno i paesi in primalinea nell'identificazione, registrazione e raccolta diimpronte digitali dei migranti e allo stesso tempo sarannorealizzati la redistribuzione e i rimpatri. .