Migranti: Juncker, passi avanti ma Stati devono fare di piu'

(AGI) - Bruxelles, 14 ott. - La Commissione europea ritiene diaver rispettato tutti gli impegni richiesti dai Ventotto paesimembri che tre settimane fa hanno approvato una serie di"azioni prioritarie" per far fronte all'emergenza profughi.D'altro canto, come dichiara il presidente Jean-Claude Junckerin un commento alla comunicazione dell'esecutivo sui progressieffettuati nell'attuazione di tali misure, "abbiamo osservatorisultati concreti ma ci aspettiamo dagli Stati che faccianosforzi maggiori. Le belle parole devono essere seguite daazioni concrete in tutti i paesi membri". In particolare, si ricorda nel documento approvato oggi dalCollegio dei commissari in vista del

(AGI) - Bruxelles, 14 ott. - La Commissione europea ritiene diaver rispettato tutti gli impegni richiesti dai Ventotto paesimembri che tre settimane fa hanno approvato una serie di"azioni prioritarie" per far fronte all'emergenza profughi.D'altro canto, come dichiara il presidente Jean-Claude Junckerin un commento alla comunicazione dell'esecutivo sui progressieffettuati nell'attuazione di tali misure, "abbiamo osservatorisultati concreti ma ci aspettiamo dagli Stati che faccianosforzi maggiori. Le belle parole devono essere seguite daazioni concrete in tutti i paesi membri". In particolare, si ricorda nel documento approvato oggi dalCollegio dei commissari in vista del vertice dei capi di Statoe di governo di domani, sono stati riscontrati progressi nelfunzionamento degli "hotspot" in Italia e presto operativianche in Grecia, sono stati effettuati i primi trasferimentinell'ambito del programma di redistribuzione dei 160 milaprofughi e in quello di reinsediamento dai campi profughi deipaesi terzi. Ancora, in termini finanziari, la Commissione hagia' proposto emendamenti al bilancio Ue per aumentare di 1,7miliardi le risorse dedicate alla crisi dei rifugiati perarrivare in tutto a 9,2 miliardi nei due esercizi. Molti paesi,pero', devono ancora versare i loro contributi ai fondi chel'Ue ha gia' destinato al programma alimentare mondiale, l'Hcr,il fondo speciale per la Siria (in tutto 500 milioni) e alfondo urgente per l'Africa (1,8 miliardi). .