TURCHIA: 'PAPA' TAYYIP, LO STRATEGA DEL 'MODELLO TURCO'

(AGI) - Roma, 11 giu. - Islamico riconvertito a musulmanodemocratico e stratega del nuovo 'modello turco', il premierRecep Tayyp Erdogan, si guadagna per la terza volta la fiduciadella Turchia per un nuovo governo. Leader del Partito per la giustizia e lo sviluppo, alpotere dal 2002, Erdogan e' nato a Istanbul nel 1954. "Papa"Tayyp, come lo chiamano affettuosamente i suoi elettori, hamostrato fin da giovane una notevole versatilita', riuscendo aconiugare gli studi in economia con una discreta carriera dicalciatore. Non solo, Erdogan ha sempre conservato i riflessidel rappresentante di commercio: prima di

(AGI) - Roma, 11 giu. - Islamico riconvertito a musulmanodemocratico e stratega del nuovo 'modello turco', il premierRecep Tayyp Erdogan, si guadagna per la terza volta la fiduciadella Turchia per un nuovo governo. Leader del Partito per la giustizia e lo sviluppo, alpotere dal 2002, Erdogan e' nato a Istanbul nel 1954. "Papa"Tayyp, come lo chiamano affettuosamente i suoi elettori, hamostrato fin da giovane una notevole versatilita', riuscendo aconiugare gli studi in economia con una discreta carriera dicalciatore. Non solo, Erdogan ha sempre conservato i riflessidel rappresentante di commercio: prima di intraprendere lacarriera politica infatti era rappresentante della fabbrica dibiscotti Ulker e la campagna elettorale di quest'anno, a diredi tutti, avrebbe avuto lo stampo di una vera e propriaconvention promozionale. Domenica scorsa, davanti a 45milasostenitori, quasi tutti giovanissimi, aveva urlato: "Abbiamogia' distribuito dei computer, ora e' il momento di offrividegli IPad". Figura di spicco del disciolto Partito del benessere, hafatto scalpore per aver osato declamare in pubblico i versi delpoeta ultra-nazionalista Ziya Gokalp: un gesto che gli valseuna condanna a 10 mesi di carcere (di cui ne sconto' solo 4).Uscito di prigione, fondo' l'Akp, che divenne presto il primopartito del Paese. Padre di quattro figli, Erdogan e' considerato l'uomo delcambiamento: nei suo otto anni di governo e' riuscito infatti atraghettare la Turchia verso una crescita economica senzaprecedenti (nel 2010 l'8,9 per cento), con una spinta alla'cinese', capace di piazzare il Paese al 17esimo posto tra leeconomie mondiali e a trasformare Ankara in un pernogeopolitico di primaria importanza. Ma la cosa piu' importantee' che il leader turco e' stato capace di coniugare i valoriislamici con quelli democratici: 'un modello turco' che sipropone oggi come esempio per i vicini Paesi nordafricani emediorientali e mira a ottenere l'ingresso nell'Ue, sfidacruciale per valutare il pieno successo del 'sistema Erdogan'. Molti ne sottolineano l'"insaziabile appetito per ilpotere" e sono sempre in molti a pensare che il suo obiettivosia il Palazzo di Cankaya, sede della presidenza, ma con unregime tagliato su misura: quello presidenziale. (AGI)