REFERENDUM: CORSARO, LO RISPETTEREMO; NON E' CONTRO IL GOVERNO

(AGI) - Roma, 13 giu. - "E' un esito netto che va rispettato mapersonalmente credo che non sia un bene per il futurodell'Italia" e in ogni caso non e' un voto contro il governo. Asostenerlo e' il vicepresidente vicario dei deputati del Pdl,Massimo Corsaro, che parlando con i giornalisti a Montecitoriosostiene: "E' chiaro che quando gli italiani si pronunciano e'un dovere imperativo per tutti attenersi a quelle che sono leindicazioni". Ma e' un voto contro il governo? "No - harisposto - i temi erano talmente specifici che su quelli sisono pronunciati

(AGI) - Roma, 13 giu. - "E' un esito netto che va rispettato mapersonalmente credo che non sia un bene per il futurodell'Italia" e in ogni caso non e' un voto contro il governo. Asostenerlo e' il vicepresidente vicario dei deputati del Pdl,Massimo Corsaro, che parlando con i giornalisti a Montecitoriosostiene: "E' chiaro che quando gli italiani si pronunciano e'un dovere imperativo per tutti attenersi a quelle che sono leindicazioni". Ma e' un voto contro il governo? "No - harisposto - i temi erano talmente specifici che su quelli sisono pronunciati gli italiani". "Bisogna andare a casa per un referendum? Obama -sottolinea - ha perso una maggioranza al Congresso e sta ancorali' giustamente. E Bersani si attacca al risultato di unreferendum?". Ma potrebbe essere la Lega a staccare la spina algoverno... "Credo che - osserva Corsaro - i pronunciamentidella Lega siano tutti rivolti a costruire insieme al Pdl lastagione delle riforme che vogliamo realizzare nei prossimi dueanni. In questo senso ho sentito i pronunciamenti di Bossi,Maroni e Calderoli. Il lavoro che il governo sta mettendo sultavolo per i prossimi due anni e' condiviso da Pdl e Lega".(AGI)