Wind Infostrada: azienda cancella riunione odierna con Codacons e si rifugia presso l'Agcom

L'ASSOCIAZIONE: SE NON SARA' RICONOSCIUTO RIMBORSO AGLI UTENTI PRONTE 2.120 QUERELE DEI CLIENTI WIND

Wind Infostrada ha cancellato la riunione indetta per oggi con il Codacons, finalizzata ad affrontare la questione del black out che ha colpito la rete telefonica della compagnia lo scorso 13 giugno, e studiare le modalita' di rimborso in favore dei clienti coinvolti.

L'azienda - spiega l'associazione - ha disdetto l'incontro con il Codacons chiedendo aiuto all'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni.

Ora la posizione di Wind-Infostrada, purtroppo, si aggrava. Se infatti la societa' non disporra' risarcimenti automatici direttamente sulla prossima bolletta e sulle schede ricaricabili dei propri clienti, proporzionali all'interruzione del servizio registrato lo scorso 13 giugno, 2.120 utenti che ad oggi hanno aderito all'azione collettiva del Codacons sul sito www.codacons.it  depositeranno presso tutte le Procure della Repubblica d'Italia querela per appropriazione indebita, in relazione ai minori servizi resi dall'azienda a fronte del regolare pagamento degli abbonamenti da parte dei clienti.

23 aprile 2014