Mps: in esposti denunce presentate a Roma, Siena e Genova,Adusbef ha chiesto di riaprire indagini sul 'suicidio' di David Rossi

E LE STRANE OMISSIONI,DOCUMENTATE DA INCHIESTA TV, SU  ACQUISTO ANTONVENETA, RUOLO A.D. VIOLA  SUL 'MANDATE ALEXANDRIA' PER COPRIRE RESPONSABILITA' CONSOB/ BANKITALIA, PRESENZA DI EVENTUALI CONTI CORRENTI APERTI ALLO IOR.

In tre esposti denunce presentate alle Procure della Repubblica di Siena, dove si e' appena insediato il nuovo procuratore capo Salvatore Vitello;  Genova  competente sui giudici di Siena; Roma, procura capitolina che ha la potesta' di indagare sullo IOR (Istituto per le Opere di Religione), Adusbef ha chiesto di riaprire le indagini sullo strano 'suicidio' di David Rossi e sulle evidenti omissioni nelle indagini sul MPS.

Sia un articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano il 21.11.2014, che l'inchiesta di Report andata in onda su Raitre il 23 novembre 2014, sostengono con indizi e prove difficilmente confutabili, che la misteriosa fine di David Rossi ,l'ex responsabile dell'area comunicazione di Mps, gettatosi dalla finestra del suo ufficio la sera del 6 marzo 2013,non si conciliano con "un evento suicidario".

La trasmissione tv Report di Milena Gabanelli ha proposto un ampio servizio sulla vicenda di David Rossi, l'addetto stampa del  Monte dei Paschi che il 6 marzo 2013 volo' da una finestra in un cortile dietro la sede centrale della banca piu' antica del mondo. Nel servizio sono riemersi, attraverso varie testimonianze,  molti punti oscuri di quello strano "suicidio". E ad un certo punto si vede il giornalista di report che si incammina, di notte,  per una viuzza di un non meglio precisato paese della Provincia di Siena, per incontrare un "amico intimo di David Rossi che ha chiesto di rimanere anonimo". La viuzza in questione sarebbe via San Francesco, a Chiusi.

Il servizio torna a smascherare anche le menzogne di Fabrizio Viola, AD del MPS che fa finta di ritrovare il 'mandate del derivato Alexandria' in una cassaforte, quando era gia' stato informato sia dal dott. Baldassarri (ex capo area finanza Mps), che interrogato in carcere, dichiara al Magistrato: " Il collegamento economico tra l'operazione Btp 2034 e la ristrutturazione di Alexandria e' stato da me illustrato al dottor Viola nel gennaio/febbraio 2012, prima della mia uscita da Monte dei Paschi avvenuta a fine febbraio. Ho avuto tre riunioni con Viola e in una di queste lui mi chieste le ragioni per cui erano stati acquistati i 3 miliardi di Bpt 2034?, che da Buonocore ed altri funzionari MPS e perfino dalla Banca d'Italia, che nel marzo e giugno 2012, richiamava Viola sulla criticita' contabile determinata dal derivato  "Alexandria".

Per le suesposte ragioni, Adusbef chiede all'on.le Procura della Repubblica di riaprire l'indagine alla luce degli elementi nuovi incontrovertibili, come l'orologio gettato da qualcuno dalla finestra decine di minuti dopo la caduta del corpo di David Rossi, con l'acquisizione del servizio di report e gli interrogatori di tutti i protagonisti citati nell'inchiesta, compresi i possibili testimoni non ancora ascoltati presenti a Rocca Salimbeni la sera del 6 marzo 2014,per accertare la verita' dei fatti anche con la finalita' di verificare tutte le fandonie raccontate dall'amministratore delegato Fabrizio Viola in ordine al ritrovamento del mandate Alexandria; l'accensione di conti correnti allo Ior da parte di dirigenti del Monte dei Paschi di Siena per poter perfezionare l'acquisizione di Banca Antonveneta da Emilio Botin e le eventuali 'commissioni' extra-legali, corrisposte per l'operazione.

Elio Lannutti (Presidente Adusbef)

28 novembre 2014