L'Ombudsman bancario da' ragione ad un risparmiatore in materia di azioni non quotate

L'Ombudsman bancario da' ragione ad un risparmiatore in materia di azioni non quotate collocate da una Cassa di Risparmio

L'Ombudsman Bancario con una decisione del 23 luglio 2014 ha condannato la Cassa di Risparmio di Ferrara a restituire ad un risparmiatore, iscritto alla Federconsumatori di  Ferrara, di cui  e' consulente legale l'Avv. Massimo Cerniglia, consulente legale anche della nostra Associazione, l'intero importo investito, oltre interessi legali, per l'acquisto di azioni emesse dalla stessa Cassa.

L'Ombudsman Bancario ha ritenuto che la banca ferrarese, nel collocare e negoziare le sue azioni, abbia contravvenuto alla Comunicazione Consob n° 9019104 del 2/3/2009, intitolata "Il dovere dell'intermediario di comportarsi con correttezza e trasparenza in sede di distribuzione di prodotti finanziari illiquidi". Le azioni collocate dalla Cassa di Risparmio, infatti, non erano titoli quotati in Borsa e la Banca, in sede di collocamento e di negoziazione, avrebbe dovuto evidenziare tale particolarita' in virtù della citata comunicazione della Consob e non è valido un mero rinvio del risparmiatore al prospetto informativo.

Secondo la Consob, poi, le banche che collocano titoli non quotati sono tenute ad inviare  al cliente una rendicontazione periodica che contiene informazioni dettagliate sul prodotto detenuto ed in particolare deve essere chiaramente esplicitato il valore corretto del prodotto, nonche' il presumibile valore di realizzo determinato sulla base delle condizioni  che sarebbero applicate effettivamente al cliente in caso di smobilizzo.
La dichiarazione del cliente circa la consapevolezza dei fattori di rischio e di "conoscere ed accettare senza riserve le condizioni e le modalita' delle offerte contenute nel relativo prospetto informativo" per l'Ombudsman è del tutto insufficiente in quanto il rinvio per relationem a detta documentazione non puo' soddisfare la prescrizione di fornire informazioni trasparenti e particolarmente dettagliate nel caso di offerta di prodotti illiquidi.

Per l'Ombudsman, pertanto, e' stato violato l'art. 21 del TUF, che impone ad ogni intermediario di comportarsi "nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento e accessori … con diligenza, correttezza e trasparenza, per servire al meglio l'interesso del cliente".
Conseguenza di tale violazione e' la restituzione delle somme investite, oltre agli interessi legali.

Il predetto clamoroso provvedimento dell'Ombudsman Bancario, secondo il Centro Tutela Consumatori Utenti, potrebbe applicarsi, ove ve ne siano le condizioni, anche ad altre Banche, in particolare alle Casse di Risparmio italiane che hanno collocato i loro titoli azionari dopo l'emanazione della Comunicazione Consob di inizio 2009. Il reclamo alle Banche va presentato entro i due anni successivi rispetto al collocamento o alla negoziazione dei titoli ed il ricorso all'Ombudsman va proposto entro un anno dalla presentazione del reclamo.

Il Centro Tutela Consumatori Utenti resta a disposizione per ogni chiarimento ed ulteriore  informazione.

Bz, 29 settembre 2014