Alimentazione: lo stop al semaforo e' una vittoria nostra e del made in Italy

L'Unione Nazionale Consumatori esprime soddisfazione per lo stop dell'Unione Europea all'etichettatura tramite semaforo dei prodotti alimentari.

"Dividere il mondo in buoni e cattivi non e' mai la soluzione giusta, soprattutto quando si tratta di alimentazione". E' quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it), in riferimento alla bocciatura dell'Unione Europea dell'etichetta a semaforo.

"Nei mesi scorsi- afferma Dona (segui @massidona su Twitter)- quando la Gran Bretagna propose l'introduzione delle etichette alimentari che indicassero con una sorta di semaforo in rosso gli alimenti molto calorici, in giallo quelli da usare con moderazione e in verde quelli sicuri dal punto di vista nutrizionale, esprimemmo, attraverso il mio blog e con un approfondimento del nostro esperto Agostino Macri', tutte le nostre riserve sul tema: oggi, dunque, accogliamo con soddisfazione lo stop dell'esecutivo europeo e festeggiamo una vittoria per la nostra associazione, ma soprattutto per il Made in Italy".

Leggi:
"L'obesita' non si ferma con il semaforo" di Massimiliano Dona

Leggi:
"Semafori alimentari: la scelta giusta?" di Agostino Macri'

"Eccellenze italiane come i formaggi, l'olio e i dolci -prosegue Dona - sarebbero stati ingiustamente puniti da questo sistema in cui il parametro piu' importante per evitare il semaforo rosso era la quantita' di calorie. Il rischio, dunque, era che le aziende alimentari sviluppassero nuovi prodotti con meno grassi e zuccheri, aiutandosi con la chimica mediante vari additivi come addensanti, gelificanti, edulcoranti, antiossidanti".

"Semplificare la vita dei consumatori con etichette chiare e leggibili e' sempre stata una battaglia della nostra associazione -conclude il Segretario generale- ma il traffic-light non era lo strumento piu' adatto: e' piuttosto il caso di ricordare ai consumatori che non esistono alimenti giusti o sbagliati, ma la corretta alimentazione dipende dalla quantita' di cibo, dalla varieta' della dieta e dall'attivita' fisica".

A riguardo leggi anche "ABC etichette alimentari"

Iscriviti all'Unc, ecco i vantaggi

2 ottobre 2014