Italia-Sudafrica: Ice, imprese hanno investito oltre un miliardo

(AGI) - Citta' del Capo, 1 ott. - Le imprese italiane hannoinvestito nell'economia del Sudafrica oltre un miliardo dieuro, cifra che potrebbe crescere ancora visto l'altopotenziale dell'area. Lo ha affermato il presidente dell'Ice,Riccardo Maria Monti, nel suo intervento al Summit Italy-SouthAfrica organizzato da The European House - Ambrosetti a Citta'del Capo. Monti e' intervenuto nella sessione dedicata alle"Relazioni tra Italia e Sudafrica nell'attuale scenarioregionale e geopolitico". Sono circa 100 le imprese italianenel Paese africano che impiegano un totale di 15mila dipendentilocali. "Quello che fa del Sudafrica un buon investimento per

(AGI) - Citta' del Capo, 1 ott. - Le imprese italiane hannoinvestito nell'economia del Sudafrica oltre un miliardo dieuro, cifra che potrebbe crescere ancora visto l'altopotenziale dell'area. Lo ha affermato il presidente dell'Ice,Riccardo Maria Monti, nel suo intervento al Summit Italy-SouthAfrica organizzato da The European House - Ambrosetti a Citta'del Capo. Monti e' intervenuto nella sessione dedicata alle"Relazioni tra Italia e Sudafrica nell'attuale scenarioregionale e geopolitico". Sono circa 100 le imprese italianenel Paese africano che impiegano un totale di 15mila dipendentilocali. "Quello che fa del Sudafrica un buon investimento perle societa' italiane - ha affermato Monti - sono l'estesapopolazione, la stabilita' politica, la diversificazione nelsettore turismo, i settori dei servizi e manifatturiero cosi'come la volonta' politica di incoraggiare il libero commercio".Tuttavia, ha aggiunto "la presenza dell'Italia nel Continentee' ancora minimale". Per questo ci sono "numerose ragioni tracui la mancanza di organizzazione, le barriere culturali e iproblemi logistici". A fronte dello sforzo comunque mostrato dall'Italia disviluppare iniziative sistematiche nel Paese africano, haspiegato ancora il presidente dell'Ice, e' necessario che leimprese italiane comprendano che ci sono numerose possibilita'nel settore delle infrastrutture, dell'energia verde e nelsettore agricolo e agroindustriale. Al summit e' intervenuto anche Ian Golden, direttoredell'Oxford Martin School, secondo cui nonostante il fatto chei mercati di Italia e Sudafrica siano cosi' diversi e chel'economia italiana sia sei volte piu' forte di quellasudafricana "i due paesi hanno molte cose in comune". "Adesempio - ha spiegato - l'offerta dei prodotti alimentari,delle bevande, vino incluso, del mercato automobilistico".Inoltre "si tratta di due nazioni entrambe aperte al commercioe che puntano alla diversificazione dell'export". "L'Italia hasoprattutto prodotti alimentari e moda mentre il Sudafrica hamaterie prime e prodotti minerari. L'Italia potrebbesicuramente aiutare il Paese ad aggiungere valore ai suoiasset". (AGI)Say/Tig