Centrafrica: Ban Ki-monn, non si rallentino gli sforzi finanziari

(AGI) - Bangui, 2 ott. - Il segretario generale delle NazioniUnite, Ban Ki-monn, ha lanciato un appello alla comunita'internazionale affinche' non rallenti gli sforzi di sostegno,compresi quelli finanziari, alla Repubblica Centrafricana,perche' esiste il rischio concreto che il paese ripiombi neldisordine e nella violenza. "I recenti avvenimenti di Banguidimostrano come la situazione e' fragile", ha detto ilsegretario dell'Onu dopo una riunione di alto livello sullaRepubblica Centrafricana a margine dell'Assemblea generaledelle Nazioni Unite a New York. Ban Ki-monn si e' dettoseriamente preoccupato per l'escalation della violenza, e inparticolare per gli attacchi

(AGI) - Bangui, 2 ott. - Il segretario generale delle NazioniUnite, Ban Ki-monn, ha lanciato un appello alla comunita'internazionale affinche' non rallenti gli sforzi di sostegno,compresi quelli finanziari, alla Repubblica Centrafricana,perche' esiste il rischio concreto che il paese ripiombi neldisordine e nella violenza. "I recenti avvenimenti di Banguidimostrano come la situazione e' fragile", ha detto ilsegretario dell'Onu dopo una riunione di alto livello sullaRepubblica Centrafricana a margine dell'Assemblea generaledelle Nazioni Unite a New York. Ban Ki-monn si e' dettoseriamente preoccupato per l'escalation della violenza, e inparticolare per gli attacchi perpetrati contro la popolazionecivile e gli scontri tra comunita', e ha invitato tutte leparti a mettere fine ai combattimenti e a deporre le armi. "E'evidente che le violenze avvenute di recente nella capitaleBangui hanno l'obiettivo di destabilizzare il paese e metterein pericolo il processo di transizione", ha aggiunto ilsegretario dell'Onu. Nello scorso fine settimana icombattimenti tra milizie rivali hanno provocato 36 morti ecostretto oltre 27mila persone a fuggire dalle loro abitazioni."Non possiamo permettere - ha continuato Ban Ki-monn - chechiunque rimetta in questioni i risultati ottenuti nel corsodell'anno e che sono l'aspirazione della maggioranza deicentrafricani che vogliono la pace e una vita migliore". Ilsegretario dell'Onu, infine, ha inviato la comunita'internazionale a smobilizzare le risorse finanziarie necessariea mettere in opera rapidamente le decisioni del Forum diBangui, "per passare alla seconda fase della transizione,all'edificazione della pace e dello sviluppo a lungo termine,che il popolo della Repubblica Centrafricana reclama e merita".(AGI)Fea