Abruzzo

Libri: esce "Tsa, cronaca e storia" di Antonio Di Muzio

28/01/2015 09:01
(AGI) - L'Aquila, 28 gen. - E' stato pubblicato dall'editoreRicerche&Redazioni di Teramo il libro del giornalista aquilanoAntonio Di Muzio, "Il Teatro all'Aquila e in Abruzzo. Tsa,Cronaca e Storia", che traccia la storia dei teatri e del Tsa(Teatro Stabile d'Abruzzo) massimo ente teatrale regionale,fiore all'occhiello della cultura in Abruzzo e in Italia che hada poco compiuto i 50 anni. L'opera monumentale - 688 pagine,con un corredo di 60 foto storiche, in gran parte messe adisposizione direttamente dal Tsa - introdotta dalla scrittriceDacia Maraini, con la prefazione del professor FerdinandoTaviani, si avvale anche di contributi di illustri studiosi,storici, personaggi e protagonisti di questa grande storia:Eugenio Barba, Antonio Calenda, Raffaele Colapietra, UmbertoDante, Grazia Felli, Gian Piero Fortebraccio, Silvia Giampaola,Fabrizio Pompei, Alessandro Preziosi, Armando Rossini,Francesco Sanvitale, Ferdinando Taviani. Il volume verra'presentato ufficialmente a L'Aquila lunedi' 9 febbraio alle ore17, presso l'Auditorium Bper-ex Carispaq dell'Aquila intitolatoa Elio Sericchi (in onore di uno dei 18 protagonisti chefirmarono l'atto costitutivo del Tsa nel 1963), alla presenzadi tanti personaggi che hanno fatto la storia del Tsa e diospiti del mondo teatrale nati artisticamente proprio nelloStabile Aquilano. Alla prima presentazione, ne seguiranno altrenelle universita', nelle scuole, all'Accademie di Belle Arti,nelle associazioni culturali e teatrali abruzzesi e inoccasione di particolari eventi all'Aquila e in Abruzzo. Dallaprimavera, il libro verra' presentato anche a Roma e in altrelocalita' fuori regione. Qualcuno ha gia' definito il volumecome "l'enciclopedia del teatro abruzzese", per la suastraordinaria capacita' di narrare, in modo analitico epuntuale, la storia di un teatro e dei teatri del territorio,da Amiternum ai giorni nostri, sempre attingendo alle fontistoriche e scritte. "La storia della maggiore istituzione culturale d'Abruzzo -dice Di Muzio - e' conosciuta in tutto il mondo grazie aproduzioni, spettacoli e protagonisti che hanno lasciato unsegno indelebile. Il libro e' il frutto di una ricerca durata15 anni. Il Tsa negli anni e' riuscito a raggiungere citta' delCentro Italia che erano a digiuno di teatro e ha fatto apriresale e strutture in tutto l'Abruzzo, nelle Marche, in Umbria,nel Molise e nel Lazio. I suoi spettacoli, che hanno lanciatoartisti del calibro di Gigi Proietti, Piera degli Esposti, UgoPagliai, Paola Gassman, Sergio Rubini, Sergio Castellitto,Giancarlo Giannini, Glauco Mauri, e registi come AntonioCalenda, Aldo Trionfo, Giancarlo Cobelli, Alberto Gozzi eCarmelo Bene (che nel 1974 ha lavorato per la prima e unicavolta con un Teatro Stabile pubblico) sono stati rappresentatiin tutto il mondo". (AGI) Ett