Politica

Napoli, Grillo attacca il Pd. "Chi tace sui brogli e' complice"

Roma - M5S all'attacco del Pd sulle primarie di Napoli. "Perche' il Pd non parla sui brogli e la compravendita voti di Napoli? Tacere significa essere e rimanere complici", e' stato il j'accuse di Beppe Grillo su Twitter. Il comico ha poi 'rilanciato' sul suo blog: "Dopo la GomorraPd di Casavatore questo fine settimana si sono consumati brogli e compravendita di voti durante le primarie piddine di Napoli come dimostrato dalla video inchiesta di Fanpage". "Invitiamo i cittadini a rivolgersi alle autorita' giudiziarie e denunciare senza timore i brogli piddini ormai conclamati", si legge insieme all'hashtag #DenunciamoIlPd!.

FICO, PD DA COMMISSARIARE; LA VALENTE VADA IN PROCURA

Chiede a Valeria Valente se "sta gia' andando in Procura a denunciare le irregolarita' fuori ai seggi?" e se "puo' fare chiarezza immediatamente su cio' che accaduto ieri a Napoli durante le primarie del Pd che l'hanno vista vincitrice?". 'Stuzzica' Matteo Orfini definendolo "il presidenteminkia". Soprattutto, lancia una bordata quando dice che a Napoli "il Pd e' da commissariare e per decenza e per rispetto dei cittadini non dovrebbe proprio presentarsi alle elezioni. Sarebbe ora di una bella pausa di riflessione, magari su Marte". E' Roberto Fico ad accompagnare l'attacco lanciato dal blog di Beppe Grillo a proposito delle primarie nel capoluogo campano: "Tacere altrimenti significa essere e rimanere complici. Se la Valente o i vertici del Pd non intervengono, invito i cittadini che ieri hanno partecipato alla consultazione - dice anche il presidente della Vigilanza Rai, come il post anonimo in corsivo che sovrasta la sua dichiarazione - a rivolgersi all'Autorita' giudiziaria. Saremo al loro fianco se necessario".

"Perche' se - osserva - i brogli ci sono stati e sono stati numerosi, il risultato e' compromesso e probabilmente la Valente ha anche perso queste consultazioni. Orfini, il presidenteminkia, ndr - cosi' nel testo della dichiarazione - diceva che il Pd e' cambiato, che stavolta, a differenza del 2013, il voto non e' stato trainato a Roma dalle 'truppe cammellate dei capibastone poi arrestati', cioe' il sistema di MafiaCapitale. E a Napoli? Come valuta quello che e' successo ieri? Non e' praticamente il bis di quanto avvenuto gia' nel 2011?".

RAGGI, VERGOGNA A NAPOLI, PRIMARIE SENZA DEMOCRAZIA

"Ho visito quelle immagini" relative a presunti brogli durante le primarie Pd a Napoli , e "le trovo una cosa vergognosa e' l'emblema di quanto la democrazia sia assente dal Pd e pagare qualcuno perche' voti un'altra persona e' un segno di un partito che deve fare i bagagli e andare via", ha detto la candidata del M5S di Roma a sindaco di Roma, Viginia Raggi, a margine di un iniziativa per la festa delle donne. "I dati dimostrano che l'affluenza alle primarie del Pd e' stata piu' bassa rispetto alle precedenti" ha sottolineato Raggi , e quindi al presidente nazionale del Pd, Matteo Orfini, "dico che le nostre primarie sono state gratuite e le loro no, le nostre si sono svolte in assoluta liberata' e chi si voleva candidare lo ha fatto, mentre il Pd sceglie sempre quelle 4 persone nominate dalla segreteria ". (AGI) .


08 marzo 2016 ©