Politica

Rai, ecco i nuovi direttori di Rete

Roma - E' solo questione di ratifica in Cda Rai domani: cambiano i direttori delle reti generaliste. Andrea Fabiano va al posto di Giancarlo Leone a Rai1; a Rai2 Ilaria Dallatana per Angelo Teodoli, per il quale c'è la proposta di nomina a direttore di Rai4; a capo di Rai3 viene proposta Daria Bignardi in sostituzione di Andrea Vianello.

Cambio anche a RaiSport: Gabriele Romagnoli per Carlo Paris. Tutte proposte formulate dal direttore generale Antonio Campo Dall'Orto.

La scelta dei nuovi direttori delle reti Rai generaliste è avvenuta "in piena autonomia aziendale", e sono scelte "basate su competenza, merito, esperienza ed anche in virtù del rinnovamento in atto". E' quanto riferiscono fonti aziedali all'Agi a proposito delle proposte di nomina che il direttore generale di viale Mazzini, Antonio Campo Dall'Orto, ha fatto avere ai consiglieri alla vigilia della riunione del Cda.

Viene anche sottolineato che alcune scelte sono interne, come nel caso di Andrea Fabiano alla testa di Rai1: finora era vicedirettore della stessa rete. E anche nel caso di Angelo Teodoli proposto per la direzione di Rai4: era al vertice di Rai2.

Quanto a Ilaria Dallatana, indicata proprio per la seconda rete, proviene da Magnolia, societa' di produzione di format televisivi anche per la Rai, mentre Daria Bignardi viene da esperienze televisive a La7, e infine Gabriele Romagnoli viene dalla carta stampata, con esperienze da inviato per La Stampa, collaborazioni con Repubblica, Vanity Fair, Diario, Avvenire, il mensiele GQ.

RAI1, ANDREA FABIANOclasse 1976, sara' il piu' giovane direttore della rete ammiraglia della Rai. "Barese esportato a Roma", come si legge sul suo profilo twitter, classe 1976, si laurea all'Universita' di Bari e fa anche un breve master ad Harvard. A Viale Mazzini si occupa di Marketing, prima con la carica di vice responsable, poi di responsabile. Dal febbraio 2015 e' il vice di Leone alla Prima Rete Rai.

RAI2, ILARIA DALLATANA - Parmigiana, 48 anni, che da domani sara' il nuovo direttore di Rai2, e' conosciuta per aver portato in Italia i format di maggior successo tra i quali "L'isola dei famosi", "L'eredita'", "SOS Tata". Nel 2001, infatti, ha fondato insieme a Giorgio Gori e a Francesca Canetta la societa' Magnolia per la creazione, produzione e adattamento di format di intrattenimento per i principali network televisivi. Diplomata al liceo classico, si e' laureata in Lettere Moderne all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Milano e diplomata in Scienza della Comunicazione all'Universita' La Sorbonne Nouvelle. Entra giovanissima a far parte dell'ufficio marketing di Mediaset e si occupa della riorganizzazione di Telecinco a Madrid.

RAITRE, DARIA BIGNARDI - Forse è la vera sorpresa delle nomine che il direttore generale della Rai proporra' al Consiglio di Amministrazione di giovedi'. Daria Bignardi, volto di punta de La7 e conduttrice de Le Invasioni barbariche, e' stata scelta da Antonio Campo Dall'Orto a capo di Rai3 in sostituzione di Andrea Vianello. Giornalista e scrittrice, sposata con il giornalista Luca Sofri, figlio di Adriano, ha lavorato in Rai e Mediaset. Nata a Ferrara 55 anni fa, esordisce in tv agli inizi degli anni novanta a Rai3, nel programma 'Milano-Italia'. Nel 2000 conduce la prima edizione del 'Grande Fratello' su Canale 5. A La7 conduce il talk show 'Le invasioni barbariche'. Nel 2009 torna in Rai per condurre il venerdi' in seconda serata, su Rai 2, il nuovo programma 'L'era glaciale'. Nel 2010 il ritorno all'emittente di Urbano Cairo per riprendere la programmazione de 'Le invasioni barbariche'. In qualita' di scrittrice, ha pubblicato diversi romanzi con Mondadori: il primo, "Non vi lascero' orfani", uscito nel 2009. L'ultimo, "Santa degli impossibili", pubblicato nel 2015.

RAISPORT, GABRIELE ROMAGNOLI - E' l'uomo che dovrà gestire gli Europei di calcio francesi e le Olimpiadi di Rio: Gabriele Romagnoli e' stato scelto dal direttore generale della Rai, Marcello Campo Dall'Orto, per guidare Raisport, la corazzata di Viale Mazzini con oltre 100 giornalisti. Prende il posto di Carlo Paris. Giornalista e scrittore, Romagnoli viene dalla carta stampata e attualmente collabora con La Repubblica dove scrive di sport. Bolognese, classe 1950, nell'agosto del 2014 si sposa a New York con la giornalista Paola Saluzzi. E' stato inviato nella Grande Mela per il quotidiano La Stampa, ha vissuto al Cairo e a Beirut. Ex direttore del mensile Gq, ha una rubrica settimanale su Vanity Fair e scrive anche per Diario e Avvenire. Romagnoli e' anche autore di alcune sceneggiature di teatro, cinema e fiction televisive, tra cui "Uno bianca" e "Distretto di Polizia". Ha scritto numerosi libri: il suo esordio in libreria avviene nel 1993 con "Navi in bottiglia, 101 microracconti". L'ultima opera e' invece del 2015, "Solo bagaglio a mano", edito da Feltrinelli.


Campo Dall'Orto ha sottolineato: "il nostro centro sono i cittadini. Questa legge di riforma Rai ha dato maggior potere ma anche maggior responsabilita' all'amministratore. Per questo mi sono assunto la responsabilità di chiedere al cda queste nomine". A giudizio del dg esse rappresentano "la vera cesura rispetto alla politica", riferimento alla pratica del passato, secondo cui le nomine erano in qualche modo 'pilotate' dai partiti. "Abbiamo fatto in modo che il rinnovamento sia basato sulle competenze - ha aggiunto Campo Dall'Orto, affiancato dal direttore editoriale Rai per l'offerta informativa, Carlo Verdelli - la somma di ogni singolo pezzo del servizio pubblico deve far si' che ogni cittadino si senta rappresentato". Dall'Orto ha sottolineato il fatto che due dei nomi sono di donne (Ilaria Dallatana per Rai2 e Daria Bignardi per Rai3) "cosa mai accaduta prima", come pure il fatto che a capo di Rai1 venga indicata una persona con gia' 16 anni di esperienza in azienda e di eta' inferiore ai quarant'anni (Andrea Fabiano), "cosa anche questa mai accaduta prima". Il dg ha poi detto job posting, rilevando che e' qualcosa di "bello e trasparente se uno vuole prendere risorse interne, lo usiamo quando è possibile, è molto utile per gli spostamenti interni. Lo stiamo usando per le redazioni di Palermo e Firenze". (AGI) 


17 febbraio 2016 ©