Politica

Mattarella da Obama, insieme sconfiggeremo terrorismo - Video

09/02/2016 08:43

Washington - Un incontro lungo 40 minuti più del previsto quello di ieri tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e Barack Obama alla Casa Bianca, a testimonianza l'importanza dell'Italia come partner per gli Usa e dell'importanza dei temi in gioco.

"I legami tra Italia e Stati Uniti non potrebbero essere più stretti", ha tenuto a sottolineare Obama al termine della riunione, la prima per Mattarella da capo dello Stato alla Casa Bianca dove è stato accompagnato dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

Il presidente americano ha parlato di una "grande affinità, da subito" con Mattarella che come lui è stato professore di diritto costituzionale. "Come stretti alleati Nato e membri della campagna contro Isis - ha proseguito il comandante in capo - abbiamo discusso della situazione in Iraq e Siria e ho ringraziato il presidente per il forte contributo dell'Italia nell'addestramento delle forze di polizia...e per il cruciale ruolo che avrà l'Italia nella protezione della diga di Musul, una questione di estrema importanza per il popolo iracheno".

Sul tavolo anche la Libia e lo sforzo comune per la creazione di un governo di unità nazionale senza il quale gli Stati Uniti hanno escluso la possibilità di un intervento militare.

Sulla crisi dei migranti, che Obama ha definito una "questione globale" e non solo europea, il presidente Usa ha illustrato a Mattarella la sua proposta, ancora allo stato embrionale, di affidare alla Nato un ruolo anche umanitario. Un tema con il quale discuterà anche con il premier italiano Matteo Renzi e con il presidente francese Francois Hollande mentre con la cancelliera Angela Merker ne ha già discusso. 

Mattarella, ringraziando Obama per l'invito , ha sottolineato come l'amicizia tra i due paesi che da 70 anni "sanno di poter contare l'uno sull'altro" consentirà di "superare le molte nuove sfide che si presenteranno e di sconfiggere i nemici della pace, della libertà e dei diritti umani".

Contro il terrorismo e di fronte alla attuale tragedia dei rifugiati "è nel quadro transatlantico che possiamo sperare di avere successo - ha rimarcato Mattarella - e ovviamente l'Italia e gli Stati Uniti sono impegnati insieme".

In vista delle prossime tappe dalla missione del capo dello Stato, a New York e a Houston, "sono sicuro che ovunque andrà - ha concluso Obama - riceverà la stessa calorosa accoglienza non solo per gli incredibili legami tra l'Italia e l'America ma anche per gli straordinari sacrifici compiuti dai nostri popoli per creare un mondo migliore". (AGI) 


09 febbraio 2016 ©