Usa 2016

Trump, rischio disordini se non mi danno nomination

Washington - Donald Trump, fresco dell'ennesimo trionfo nelle primarie del mini-Super Martedi', ha avvertito che si rischiano "disordini" qualora i repubblicani non assegnassero proprio a lui la nomination per le presidenziali Usa di novembre, magari sostenendo che per poche decine dei delegati in palio non ha raggiunto la necessaria maggioranza per la convention del 18-21 luglio prossimi a Cleveland, in Ohio. "Siamo davanti a tutti", ha ricordato il discusso magnate durante un'intervista con il network televisivo 'Cnn'.

"Non credo si possa affermare che la nomination non la otterremo automaticamente". Altrimenti, ha aggiunto, "penso ci saranno tumulti. Sapete, io rappresento un numero enorme di persone, molti, molti milioni di persone". Il miliardario ha giocato d'anticipo ben sapendo di non essere amato dall'apparato del suo stesso partito, molti all'interno del quale ne hanno messo in discussione lo stile oratorio manicheo, e le reazioni talora incontrollabili che provoca, non meno degli avversari democratici. (AGI) 


16 marzo 2016 ©