Estero

Roma battezza il nuovo corso, lunedì arriva Rohani

22/01/2016 12:55

Roma - Roma prima tappa europea del presidente iraniano, Hassan Rohani che, da lunedi', sara' nella capitale per una due-giorni intensa durante la quale incontrera' il Papa, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il premier, Matteo Renzi, e centinaia di imprenditori. L'Iran del dopo-sanzioni presentera' un'offerta ricchissima all'Europa, dall'energia alle tecnologie piu' sviluppate dal Paese. Il presidente iraniano, dopo la tappa a Roma, proseguirà mercoledì per Parigi

Approfondimento - Business ai blocchi di partenza

Analisi - Si apre una nuova stagione

Italia-Iran, in mostra il racconto dell'archeologia italiana

Rohani fara' pressing per creare occasioni di investimento nel Paese. In campagna elettorale  ha promesso di far impennare la crescita economica della Repubblica islamica fino all'8%, per questo ha bisogno di investimenti stranieri per 30-50 miliardi di dollari l'anno e di far decollare il settore privato in Iran.

Scheda - La lunga via crucis negoziale sul nucleare

Scheda - Ecco cosa cambia dopo il via libera dell'Aiea

L'agenda, su cui stanno lavorando in queste ore, prevede lunedi' 25 una colazione di lavoro con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e un incontro nel primo pomeriggio con il premier Matteo Renzi. La delegazione iraniana e' gigantesca, composta da 120 persone tra imprenditori e politici tra cui 5 ministri (quasi certa la partecipazione del ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif).

Profilo - Hassan Rohani, il riformista che ha sdoganato Teheran

L'incontro clou e' martedi' 26 all'Hotel Parco dei Principi a Roma, dove gli iraniani si incontreranno con i manager italiani in un Business Forum organizzato da Ita-Ice, Ambasciata iraniana e Confindustria, in cui si prevede la presenza di circa 500 imprenditori.

L'intervista - Mehrdad Emadi, "con la fine delle sanzioni raddoppio del Pil in 10 anni"

Rohani era atteso in Italia lo scorso 14 novembre, visita pero' che fu rinviata a causa degli attacchi terroristici a Parigi. Il presidente condanno' fortemente gli attentati nella capitale francese, definendoli "crimini contro l'umanita'". Di grande importanza l'incontro tra Rohani e Papa Francesco, che rappresenta un segnale di buone relazioni tra la Santa Sede e la Repubblica islamica. Il Pontefice, del resto, fu uno dei principali sostenitori dell'accordo sul nucleare iraniano. L'incontro in Vaticano avviene 17 anni dopo quello fra Giovanni Paolo II e Mohamed Khatami, ultimo presidente che si reco' nella Santa Sede e che partecipo' in seguito anche ai funerali di Woytjla. (AGI)

(22 gennaio 2016)