Estero

Strage di turisti a Istanbul, arrestati 3 russi

Mosca - Il console generale della Federazione russa ad Antalya, Aleksandr Tolstopiatenko, ha confermato alla Tass l'arresto di tre cittadini russi in Turchia. A suo dire "le ragioni della loro detenzione si stanno chiarendo". Questa mattina, dopo l'attacco kamikaze di ieri in centro a Istanbul e in cui sono morte 10 persone, la stampa turca ha reso noto il fermo di tre cittadini russi nella provincia meridionale di Antalya, per sospetti legami con l'Isis.

I tre sarebbero accusati di aver fornito supporto logistico ai jihadisti.

Gli arresti potrebbero inasprire le tensioni tra Mosca e Ankara, arrivate ai ferri corti dopo l'abbattimento del jet russo al confine con la Siria.

All'indomani del sanguinoso attentato a Istanbul, le autorita' turche hanno arrestato anche 68 persone sospettate di essere legate all'Isis. 

La gran parte degli arresti, 65, sono stati fatti in raid ad Ankara; a Smirne, sul mar Egeo; a Kilis, alla frontiera con la Siria; a Sanliurfa, sempre vicino al confine siriano; a Mersin, sulla costa mediterranea e nella citta' di Adana.

 

 

Ad Ankara, le auotorita' hanno fermato 16 persone che, secondo l'agenzia Anadolou, progettavano un attentato nella capitale. I 21 arresti a Sanliurfa progettavano anche loro un attentato in una localita' non specificata turca. 

Guarda la Galleria Fotografica

Inoltre ad Antalya sono stati fermati tre cittadini russi, che sarebbero accusati di aver fornito supporto logistico ai jihadisti. 

(13 gennaio 2016)