Estero

Due arresti per terrorismo, in Texas e in California

08/01/2016 06:56

Houston - Due uomini palestinesi nati in Iraq e arrivati come rifugiati negli Stati Uniti sono stati arrestati nell'ambito di un'indagine federale per terrorismo. Gli arresti sono avvenuti uno a Houston, in Texas, e l'altro a Sacramento, in California. Le autorita' non hanno collegato i due casi ma la notizia degli arresti è stati diffusa quasi contestualmente. In manette a Houston è finito il 24enne Omar Faraj Saeed Al-Hardan con le accuse di aver tentato di fornire materiale di supporto all'Isis, di aver tentato di ottenere illegalmente la cittadinanza americana e per falsa testimonianza. Era entrato negli Usa come rifugiato dall'Iraq nel 2009. L'uomo residente a Sacramento è accusato di falsa testimonianza e di coinvolgimento nel terrorismo internazionale. Era arrivato in Usa come rifugiato siriano nel 2012: ha 23 anni ed è stato identificato come Aws Mohammed Younis Al-Jayab. Avrebbe "compiuto viaggi all'estero per combattere con organizzazioni terroristiche" e avrebbe "mentito alle autorita' sulle sue attivita'", secondo quanto dichiarato in una nota dal rappresentante legale Usa del distretto della California orientale, Benjamin Wagner. "Al-Jayab "ha rappresentato una minaccia - ha precisato Wagner - ma non ci sono indicazioni che pianificasse attentati terroristici". "è per questo motivo che ho chiesto di bloccare l'entrata negli Usa di rifugiati provenienti da paesi controllati di fatto dai terroristi", è stato il commentato del governatore del Texas, Greg Abbot. (AGI)

(8 gennaio)