Estero

Parigi, ucciso uomo con finta cintura esplosiva

07/01/2016 17:32

Parigi - Nel giorno del primo anniversario degli attentati jihadisti contro Charlie Hebdo, Parigi piomba di nuovo nell'incubo terrorismo. Un uomo, un ventenne marocchino senza fissa dimora, è stato ucciso stamane dinanzi a un commissariato al XVIII arrondissement di Goutte d'Or, un quartiere multietnico nella parte settentrionale della capitale, mentre tentava di aggredire un poliziotto. Secondo fonti del ministero dell'Interno, aveva un coltello e un dispositivo che, dalle prime risultanze, sembra una finta cintura esplosiva. Prima di essere ucciso ha gridato "Allah è grande". Sallah Ali, così si chiavava, era anto a Casablanca nel 1995 e aveva alle spalle una condanna per furto a Sainte-Maxime nel Var.

Uomo ucciso aveva stampa bandiera Isis e rivendicazione

L'uomo ha cercato di attaccare la polizia e fare irruzione nel commissariato del quartiere della Goutte d'Or a fine mattinata, intorno alle 12 ora locale. Una giornalista del New York Times, Anna Polonyi, ha messo on-line la foto della vittima e quello che sembra un robot per ispezionare la salma in cerca di esplosivo. Seconto Rtl, anche un poliziotto è rimasto ferito. Negli attimi convulsi dell'evento, gli abitanti della zona sono stati invitati a chiudere le finestre e tenersi lontani dai balconi.

Hollande, "siamo in guerra, il terrorismo ci minaccia"

Charlie Hebdo, un anno fa l'attacco al cuore dell'Europa

Al momento è privilegiata la pista di un'azione terroriostica da parte di un 'lupo solitario'. 
Le immagini che circolano sui social media mostrano un uomo in jeans, con una giacca grigia steso a terra, con le braccia lungo i fianchi, a pochi metri dall'ingresso della stazione di polizia.

A Parigi reclutatore Isis condannato a 15 anni in contumacia 

(AGI)

(7 gennaio 2016)