Estero

Mediterraneo cimitero di migranti, 700 morti in 5 giorni

15/09/2014 19:13
(AGI) - Roma, 15 set. - Il Mediterraneo e' un enorme cimitero.A fornire le cifre dell'ultima ecatombe, la piu' grave degliultimi anni, e' l'Organizzazione internazionale dellemigrazioni (Oim): negli ultimi cinque giorni sono annegatinelle acque tra Libia, Malta e Sicilia almeno 700 persone. Inparticolare sarebbero circa 500 i dispersi del naufragioavvenuto la scorsa settimana 300 miglia al largo di Malta,molto probabilmente causato dagli stessi trafficanti che, dauna seconda imbarcazione, avrebbero di proposito fatto colare apicco il barcone dei migranti, con i quali era nato un violentoscontro. Ai 500 bisogna aggiungere i 200 dispersi del naufragioavvenuto domenica al largo della Libia e quelli di un terzoincidente con vittime di fronte alla costa egiziana. Gli operatori dell'Oim in Sicilia hanno raccolto latestimonianza dei due sopravvissuti, di nazionalita'palestinese, alla tragedia al largo di Malta: due ragazzifuggiti da Gaza e andati in Egitto a inizio settembre, soccorsiin alto mare dal mercantile panamense "Pegasus" e portati aPozzallo sabato. I migranti - siriani, palestinesi, egiziani esudanesi - erano partiti in 500 da Damietta, in Egitto, sabato6 settembre. Tra loro vi erano anche molte famiglie con bambinie minori non accompagnati. Dopo aver gia' cambiato diverseimbarcazioni lungo la rotta, mercoledi' scorso i trafficanti, abordo di un altro natante, hanno chiesto ai migranti di"saltare" su un'ennesima nave piu' piccola e precaria.Comprendendo la pericolosita' della situazione, molti si sonoribellati: ne e' nato uno scontro con i trafficanti, che a uncerto punto, innervositi, hanno speronato il barcone deimigranti dalla poppa facendolo affondare. La maggior parte delle 500 persone sono cadute in mare eannegate, altre sono riuscite a restare a galla aggrappandosi amezzi di fortuna: tra queste i due giovani palestinesi. Uno diloro ha raccontato all'Oim di essersi aggrappato a unsalvagente con altre 7 persone, che col passare delle ore nonhanno sostenuto la fatica. Dopo circa un giorno e mezzo ilragazzo e' stato avvistato da altri migranti che erano statisalvati dal mercantile "Pegasus", che stava portando in Sicilia386 persone soccorse soccorse a bordo di un'altra imbarcazioneintercettata in zona poco prima. Il secondo ragazzo palestinese, che era riuscito a restarea galla grazie al giubbotto di salvataggio che indossava, e'stato recuperato poco dopo. I mezzi di soccorso maltesi e greciintervenuti nel frattempo nell'area avrebbero trovato e salvatoaltri 9 migranti appartenenti allo stesso gruppo. La procura diCatania ha fatto sapere di aver aperto un'inchiesta su quantoaccaduto. C'e' anche, per fortuna, chi riesce salvarsi, come i 592migranti tratti in salvo nel Canale di Sicilia. Ilpattugliatore Diciotti della Guardia costiera, sul quale hannoviaggiato, li ha trasferiti a Brindisi. Tra i superstiti cisono anche quattro persone con ustioni da agenti chimici,cinque donne incinte (una delle quali al nono mese digravidanza che lamenta ferite da scoppio), un cardiopatico e unuomo con ferite da arma da taglio. Dieci, dunque, le personeche saranno dirottate verso presidi sanitari della zona, lealtre invece saranno quasi tutte trasferite in autobus indiverse strutture d'accoglienza del Veneto. Nel Mediterraneo, ha affermato l'Onu, c'e' una crisi legataall'immigrazione "senza precedenti". A denunciarlo sono statil'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, AntonioGuterres, e l'inviata speciale, Angelina Jolie, che hannovisitato il quartier generale del soccorso navale a Malta eincontrato diversi sopravvissuti ai naufragi. Oltre a esprimere preoccupazione riguardo la sostenibilita'dell'operazione italiana Mare Nostrum, l'Alto commissario el'inviata speciale hanno chiesto maggiori sforzi da parte degliStati europee affinche' si impegnino nelle operazioni disalvataggio e nella riduzione delle morti in mare. Quanto aMare Nostrum, Angelino Alfano ha affermato che sara' chiusaquando comincera' l'operazione Frontex plus. Con l'operazione Frontex plus, ha spiegato il ministrodell'Interno nel corso di un incontro di partito, "ciaccingiamo a ottenere il piu' grande risultato degli ultimianni, il primo concreto risultato del semestre di presidenzaitaliano. Se partira' Frontex plus avremo centrato il risultatodi aver portato l'Europa, a 30 chilometri dalle coste, sullafrontiera di Schengen". (AGI).