Economia

Lavoro: boom di voucher tra 2008 e 2015, 1 su 3 ad under 25

(AGI) - Roma, 22 mar. - Il numero delle persone che sono state retribuite con almeno un voucher durante l'anno e' in costante crescita: si e' passati dai 24.437 individui del 2008 a 1.392.906 del 2015. Uno su tre e' andato ai giovani, per la precisione agli under 25. E' quanto emerge da un report realizzato dal ministero del Lavoro e dall'Inps.
Tra il 2008 e il 2015 la quota di donne tra i percettori e' cresciuta in maniera progressiva e piuttosto rapidamente, passando dal 22% al 52% dei totale. Gia' nel 2014 il numero delle donne retribuite con almeno un voucher nel corso dell'anno ha superato quello degli uomini. L'importo lordo riscosso mediamente da ciascun lavoratore nell'anno ha raggiunto il valore massimo nel 2011 (677,12 euro). Nel 2015 e' stato di 633 euro, in lieve aumento rispetto ai 628,47 del 2014.
Non sembra avere avuto effetto significativo, si legge nel report, l'aumento a 7.000 euro del compenso complessivo per singolo lavoratore introdotto a giugno del 2015 con il decreto legislativo 81. Il 64,8% dei prestatori ha riscosso nel 2015 meno di 500 euro di valore complessivo. Il 20% ha superato i 1.000 euro. Sempre in base ai dati Inps, risulta che il 36,6% dei percettori di voucher nel 2015 aveva riscosso voucher anche l'anno precedente.
In termini relativi, le prestazioni coinvolgono maggiormente i giovani. Il 31,0% dei prestatori si colloca infatti tra gli under 25, con una evidente sovra-rappresentazione rispetto alla struttura dell'occupazione italiana. L'importo medio lordo percepito nell'anno e' invece piu' alto tra gli ultra 60enni (762 euro per i lavoratori in eta' compresa tra i 60 e i 65 anni, 700 euro per gli over-65), mentre i prestatori piu' giovani hanno riscosso in media un numero di voucher per un importo pari a 554 euro. (AGI)
.


22 marzo 2016 ©