Economia

Vino Nobile:in Germania vola Docg toscana protagonista a Prowein

(AGI) - Roma, 15 mar. - Tutti pazzi per il nuovo brand del Consorzio del Vino Nobile. Il restyling del grifo e' piaciuto anche al mercato tedesco, ma non solo, che in questi giorni alla Prowein di Dusseldorf ha avuto il piacere in anteprima di vedere il nuovo logo campeggiare sullo stand consortile di una delle fiere di riferimento in Europa anche per il vino italiano. "Possiamo dirci piu' che soddisfatti di questa prima uscita fieristica dell'anno - ha commentato il presidente del Consorzio del Vino Nobile, Andrea Natalini - per un mercato, quello tedesco che gia' nel 2015 e' tornato a crescere, ma che per l'anno in corso sta gia' dando degli ottimi risultati gia' a partire da questo primo trimestre".
A Dusseldorf il Consorzio e' stato presente anche quest'anno con uno stand che ha raccolto alcune aziende in forma diretta e la denominazione al completo presso il banco d'assaggio preso letteralmente d'assalto da operatori principalmente del mercato Mitteleuropeo, ma non solo dal momento che la Prowein e' storicamente una fiera aperta al trading internazionale. Tre giorni di grande lavoro con centinaia di contatti diretti pronti a scoprire le ultime annate in commercio da poco presentate all'Anteprima del Vino Nobile, il Nobile 2013 e la Riserva 2012.
L'esordio del nuovo logo. In attesa di sfoggiare nell'appuntamento italiano dell'anno, il Vinitaly di Verona, a Dusseldorf il Consorzio del Vino Nobile si e' presentato con il nuovo brand, derivato dal lungo processo di "restyling". Il nuovo "sigillo" che accompagnera' i prossimi anni l'immagine coordinata del Vino Nobile e' ancora il simbolo di Montepulciano, il grifo, proposto sotto un altro aspetto, ovvero seduto sopra la citta', Montepulciano, a salvaguardia di questa, ma con le ali spiegate, pronto a spiccare il volo, cosi' come ha fatto negli ultimi anni il suo vino.
Proprio quello tedesco e' il mercato dove il grifo, il Vino Nobile, e' volato piu' in alto nel corso del 2015. La Germania infatti torna a crescere del 3 per cento con il 46% per cento del totale della quota esportazioni e resta il primo paese per le vendite del Nobile. Strepitosa performance anche per la Svizzera (+7%) che con il 17 per cento rappresenta un importante sbocco. Il dato piu' significativo arriva ancora una volta dagli Stati Uniti che segnano un + 10% nel 2015 arrivando a rappresentare il 20 per cento dell'export del Nobile. Successo anche per i mercati asiatici ed extra Ue con oltre il 7 per cento delle esportazioni.In linea con gli ultimi anni dunque anche il 2015 si conferma anno dell'export con una quota destinata all'estero pari all'80% di prodotto, mentre il restante 20% viene commercializzato in Italia.(AGI)
Bru


15 marzo 2016 ©