Economia

Dieselgate, Volkswagen rimuove top manager per gli Usa

New York - Nuovo teremoto in Volkswagen dopo lo scandalo delle emissioni truccate: si è dimesso l'ammistratore delegato e direttore generale della divisione americana, il 54enne Michael Horn. Horn, da 25 anni nel colosso automobilistiico tedesco, era chief executive di Volkswagen America dal gennaio 2014. La stessa Volkswagen ne ha datro notizia in una nota, siegando che Horn  lascia l'incarico "per perseguire nuove opportunità". Il manager era stato uno dei protagonisti del Dieselgate: in autunno aveva testimoniato al Congresso presentando le scuse a nome dell'azienda e impegnandosi a rimediare,a nche con la promessa di approfondite inchieste interne per assicurare che violazioni simili non si abbiano a ripetere.Al centro dello scandalo c'e' il “defeat device” usato in 600.000 veicoli diesel venduti in America allo scopo di ridurre le emissioni dell'effetto serra nei test da fermo. Su strada, invece, queste stesse emissioni superavano anche di 40 volte i limiti consentiti dalla legge. (AGI)


09 marzo 2016 ©