Economia

Legacoop: Luppi, grande alleanza per sfida mercato globale

(AGI) - Roma, 3 mar. - Piu' uniti per rendere l'agroalimentare italiano forte e competitivo, anche e soprattutto sui mercati esteri. E' il messaggio del presidente di Legacoop Agroalimentare, Giovanni Luppi, a pochi giorni dall'Assemblea nazionale delle cooperative di settore di Legacoop, che si svolgera' a Roma il 10 e l'11 marzo. L'ACI, l'Alleanza delle tre grandi centrali cooperative italiane (Legacoop, Confcoperative e AGCI), rappresenta la chiave di volta per realizzare quei grandi progetti di filiera di cui il Paese ha bisogno per superare i limiti strutturali del sistema agricolo e agroalimentare italiano. Non piu' tardi di due mesi fa, sulla scia del grande successo di Expo 2015, il governo italiano ha dichiarato di voler puntare all'obiettivo dei 50 miliardi di euro di export per l'agroalimentare italiano. Una sfida che il mondo cooperativo raccoglie con impegno ed entusiasmo. "E' una scommessa che accettiamo - ha detto Luppi nel corso di una conferenza stampa nella sede di Legacoop - e lavoriamo ogni giorno per poter raggiungere quest'obiettivo. Alla politica chiediamo strumenti di supporto adeguati alle necessita' delle imprese, soprattutto di quelle che vogliono investire sui mercati esteri". "Siamo convinti - ha sottolineato Luppi - che l'Alleanza delle Cooperative Italiane dovra' essere, oltre che un sindacato di imprese agroalimentari con compiti di rappresentanza, vigilanza e promozione, anche la sede nella quale favorire lo sviluppo di una grande progettualita' condivisa. I dati elaborati dall'Osservatorio della Cooperazione Agricola Italiana ci consegnano una responsabilita' importante, considerati il numero di cooperative aderenti alle tre centrali e presenti in tutto il territorio nazionale (oltre cinquemila imprese) e il contributo determinante in termini di fatturato e occupazione (piu' di 36 miliardi di euro e oltre 90mila addetti)". Lavorare per l'efficienza logistica, ideare iniziative commerciali comuni per esportare il made in Italy, creare piattaforme europee di distribuzione cooperativa, sviluppare progetti nei principali paesi esteri. Per il presidente di Legacoop Agroalimentare, occorre aggregarsi per vincere.
.


03 marzo 2016 ©