Economia

Rilasciato manager di Facebook arrestato in Brasile

San Paolo - Il giudice brasiliano Ruy Pinheiro del Tribunale dello stato di Sergipe ha ordinato il rilascio di Diego Dzonan, vicepresidente di Facebook per l'America Latina. Dzodan era stato arrestato ieri dalla divisione narcotici della polizia brasiliana, dopo che la compagnia si era rifiutata di concedere alla magistratura l'accesso a dati di WhatsApp ritenuti rilevanti per un'inchiesta sul traffico di stupefacenti. Secondo il giudice, Dzonan, incarcerato a San Paolo, dovrà ora essere rilasciato perché la sua detenzione è da considerarsi una misura "eccessiva". Anche Facebook ieri aveva definito "sproporzionato" l'arresto.

Antitrust tedesca apre inchiesta su Facebook per violazione dati privacy

La vicenda che ha coinvolto Facebook ha avuto vasta eco per la sua somiglianza con quella che ha coinvolto Apple negli Stati Uniti, con l'azienda di Cupertino che si è rifiutata di rispettare l'ordine di un tribunale che aveva chiesto accesso ai dati dell'iPhone di uno degli autori della strage di San Bernardino. Non è la prima volta che il colosso di Palo Alto entra in conflitto con le autorità brasiliane. Lo scorso dicembre un giudice aveva bloccato temporaneamente il servizio di messaggistica Whatsapp, posseduto da Facebook, per non aver rispettato per due volte la richiesta di accesso ai dati di alcuni utenti che, secondo quanto aveva riportato la stampa, erano coinvolti in un cartello criminale. Il giudice Pinheiro ha definito una "ingiusta coercizione" quella di Dzodan. "A me sembra - spiega il giudice - che la misura estrema della detenzione sia stata frettolosa". Facebook, che controlla WhatsApp, smentisce di aver ostacolato l'inchiesta. Secondo quanto riferisce la stampa brasiliana, i trafficanti di droga avrebbero usato WhatsApp per discutere dei loro affari. (AGI)


02 marzo 2016 ©