Economia

Anno record, recuperati 14,9 miliardi all'evasione

Roma - Il 2015 è stato "l'ennesimo anno da record" per la lotta all'evasione: sono stati recuperati 14,9 miliardi di euro a fronte dei 14,2 miliardi del 2014. Lo ha detto il direttore dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi presentando i risultati del 2015. E ha annunciato: chi non ha risposto all'approccio collaborativo dell'Agenzia delle Entrate "conoscerà il lato oscuro dell'accertamento". In relazione allo spesometro, Orlandi ha sottolineato che "solo una parte molto limitata dei fornitori ha risposto alla richiesta dell'agenzia: 817 su 13.626". Per quanti non hanno accolto gli inviti alla compliance fiscale, ha aggiunto, partiranno i controlli.
Nel 2015 l'Agenzia delle Entrate ha erogato 3.380.000 rimborsi: circa 16 miliardi sono stati restituiti a cittadini e imprese, ha aggiunto Orlandi sottolineando i tempi ridotti con cui si è proceduto. In particolare 625mila rimborsi sono stati erogati a persone prive di datori di lavoro e quindi "in difficoltà. In 20 mesi inoltre sono state emesse 28 milioni di fatture elettroniche.

Successo dovuto, ha osservato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, grazie alla "qualità del lavoro" dell'Agenzia delle Entrate. Il Governo, ha ricordato Padoan, è impegnato in una "radicale riforma dell'amministrazione fiscale": il nuovo sistema "trasforma il fisco da verificatore ex post a soggetto che agevola gli adempimenti" fiscali attraverso "un approccio collaborativo".

"Il 2015 è stato l'anno record nella lotta all'evasione con 14,9 miliardi di euro recuperati dallo Stato, alla faccia di tutti quelli che criticavano il nostro governo su questo. Sarebbe interessante recuperare le dichiarazioni di alcuni esponenti politici, anche di maggioranza, su questo". Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, commenta su Facebook i dati dell'Agenzia delle entrate. (AGI) 


01 marzo 2016 ©