Economia

Agricoltura: Lazio, 'agrowelfare al servizio dei cittadini'

(AGI) - Roma, 25 feb. - "La multifunzionalita' chiama una visione dell'agricoltura proiettata nel futuro, tra cinque-dieci anni, e non va piu' pensata in maniera tradizionale ma in una visione piu' ampia e redditiva. Il Programma di Sviluppo Rurale ha spazi in cui inserire il discorso della multifunzionalita', un discorso serio e non trascurabile, in particolare per l'offerta di servizi nelle cinte periurbane, che hanno grandissime potenzialita' nel diventare fasce di servizi per la citta' con piena soddisfazione di tutti e per garantire un territorio piu' sicuro, piu' pulito e piu' presidiato". Lo ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura, Caccia e Pesca, Carlo Hausmann, all'incontro "Agricoltura: verso un nuovo modello di tutela attiva del territorio" organizzato da Confagricoltura al Palazzo della Valle a Roma.
"Non penso solo all'agriturismo, che sicuramente deve essere protagonista ma va ottimizzato perche' contenitore misto in cui c'e' un po' di tutto. E da qui l'importanza che i due parametri essenziali, connessione e prevalenza, abbiamo una interpretazione si' elastica ma necessariamente rigorosa. Ma penso anche al tema dell'agricoltura sociale, con una legge nazionale nuova e una legge regionale in discussione, per cui dobbiamo puntare sui requisiti per evitare furbizie che puntino solo ai soldi dei fondi europei. Penso poi agli agrinido, agli agriasilo, alle fattorie didattiche, fenomeni ormai sempre piu' frequenti. L'idea dell'Amministrazione Zingaretti e' di creare un vero e proprio agrowelfare di servizi alla persona, che vada a integrare i servizi che la Regione offre. Servizi convenienti e vicino a casa, fruibili da tutti i cittadini".
"L'impresa agricola e' il soggetto indispensabile per la definizione di un nuovo e piu' moderno rapporto tra aree urbane e rurali". Lo ha sottolineato il presidente di Confagricoltura Lazio, Sergio Ricotta. "Anche all'interno delle aree protette si puo' far convivere attivita' produttiva e attivita' di tutela ambientale - ha proseguito Ricotta - Fondamentale la riforma del sistema varando il testo unico sull'urbanistica".
L'assessore regionale all'Urbanistica Michele Civita, ha assicurato "Contiamo di approvare entro l'anno un provvedimento che riordini, semplifichi e vada a innovare un settore in cui esistono 72 leggi regionali differenti".
Per il vicepresidente nazionale di Confagricoltura Massimiliano Giansanti. "Passano gli anni, ma il rapporto tra agricoltura e territorio resta sempre difficile. E' il tempo delle scelte per fare essere l'agricoltore il protagonista della tutela attiva del territorio, con la sua attivita' primaria, ma anche con tutta una serie di altre inerenti il turismo rurale, l'impegno nel sociale, la manutenzione del territorio e la salvaguardia dal degrado". (AGI)


Bru


25 febbraio 2016 ©