Economia

Lagarde, la crisi migranti mette in pericolo Schengen

23/01/2016 11:25

Davos - "La crisi dei migranti e' un po' come 'o la va o la spacca', dalla mia personale prospettiva": lo ha detto il direttore generale dell'Fmi Christine Lagarde, intervenendo ad un panel dei lavori del Wef. E alla domanda se la crisi puo' mettere in pericolo il trattato di Schengen, Lagarde ha detto di "si'".

Renzi, chi vuole frontiere tradisce idea di Europa

La 'Brexit', ossia l'eventuale uscita della Gran Bretagna dall'Euro, e la situazione dei rifugiati dal Medioriente preoccupano il Fondo Monetario Internazionale. Il direttore generale dell'istituto di Washington, al Wef, Christine Lagarde ha spiegato: "La crisi dei rifugiati, dalla mia personale prospettiva, un po' o la va o la spacca". Stesso concetto anche per lo spazio di libera circolazione europea di Schengen? A questa domanda, Lagarde ha risposto: "Si', penso".

In Europa l'integrazione dei migranti potrebbe avere un impatto positivo sul Pil nell'ordine dello 0,2% in Europa. E' la stima fornita dal direttore generale dell'Fmi Christine Lagarde, intervenuta ad un panel durante i lavori del Wef. "Dobbiamo cambiare il modo in cui guardiamo all'economia, ci sono molti fattori che non misuriamo bene", ha spiegato. (AGI) 

(23 gennaio 2016)