Economia

Davos: occhi puntati su Cina, Li "siamo sulla strada giusta"

21/01/2016 21:04

(AGI) - Davos, 21 gen. - La questione migranti, l'andamento dei mercati alla luce delle parole di Mario Draghi e anche la Cina sono stati tra gli argomenti di dibattito piu' importanti al World Economic Forum, in corso nel resort svizzero e che proseguiranno anche domani. E' stato il vicepresidente Li a rassicurare il gotha della finanza e dell'economia globali sul fatto che il paese del Dragone "e' sulla strada giusta" per agganciare la crescita in forma spedita. Il Pil nel 2015 e' cresciuto del 6,9%, in rallentamento certo, ma i consumi contano il 66% del Pil (piu' degli investimenti) e il processo di riforme e di innovazione e' bene avviato dalle nuove generazioni.
La Cina, ha spiegato Li, e' entrata in una "normale" fase di stabilita' piuttosto che di crescita rapida. "Nonostante la volatilita' dei mercati finanziari globali, la Cina ha raggiunto una crescita del Pil di 500 miliardi di dollari, che e' comunque la piu' alta del mondo", ha ricordato Li. Il vicepresidente ha fatto presente che la Cina continuera' nel suo cammino delle riforme e a incoraggiare l'innovazione, forte del fatto che il settore high-tech e' salito del 2,2%. "Ogni singolo giorno dello scorso anno, piu' di 12 mila nuove societa' sono nate in Cina e nel futuro il governo cinese fara' il possibile per permettere loro di sfruttare al meglio le nuove tecnologie". Sul tavolo dell'agenda dei lavori, anche la gestione del flusso di rifugiati, alla luce della promessa della Commissione Europea di una soluzione legislativa per marzo, che superi il regolamento di Dublino, togliendo la responsabilita' delle richieste d'asilo ai soli Paesi d'arrivo. Tema affrontato anche dal ministro degli esteri Paolo Gentiloni, in una serie di incontri bilaterali che ha avuto a margine delle sessioni di lavoro, e che sara' argomento di dibattito anche nei prossimi giorni. Grande attesa, domani, per l'intervento di Mario Draghi alla luce del pronunciamento di oggi al direttivo. Il numero uno dell'Eurotower parlera' domani sulle prospettive dell'Eurozona. (AGI)

.