Economia

Juncker, "Renzi sbaglia a criticare Ue". Padoan: nessuna offesa a Bruxelles

Bruxelles - I rapporti fra Italia e Ue "non sono i migliori al momento": per questo, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker andrà in Italia a febbraio perché deve "occuparsi di questo problema". Il presidente del Consiglio Matteo Renzi "ha torto a criticare la Commissione", ha sottolineato il capo dell'esecutivo europeo, "a introdurre la flessibilità sono stato io, non Renzi". "Francamente non capisco l'opposizione italiana" al varo dei fondi per 3 miliardi alla Turchia, ha aggiunto.

Amartya Sen elogia Renzi, in Ue crescita e non austerity (LEGGI)

I rapporti fra Italia e Unione europea "rimangono cordiali e costruttivi" e "il governo italiano non ha nessuna volonta' di offesa nei confronti di nessuno e tantomeno della Commissione europea o dei suoi membri", ha sottolineato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan al termine dell'Ecofin, riferendosi alle dichiarazioni del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker e dopo aver sentito il presidente del Consiglio Matteo Renzi: "Come spesso accade ci sentiamo, ci siamo sentiti su questo e abbiamo condiviso le cose che vi ho detto", ha riferito Padoan.

Padoan, flessibilità in Ue? Ci si e' arrivati grazie all'Italia

Juncker - "Esito sempre a esprimermi con lo stesso vigore con cui il mio amico Matteo Renzi si rivolge a me, perchè credo che non risolva le cose", ha spiegato, aggiungendo di non essere "per niente naif" e di voler tenere "l'irritazione, che è grande, in tasca". "Sapete - ha aggiunto - che rispetto molto il presidente del Consiglio e che mi piace, ma ha torto di criticare la Commissione su ogni punto di vista. Non capisco perchè lo faccia, è da troppo tempo che non seguo i teatrini della politica interna di certi paesi". Ma, ha aggiunto, "l'Italia non dovrebbe troppo criticare la commissione. Io accetto le critiche, non è quello il problema, ne sono anche fiero". Ma, ha aggiunto, "abbiamo introdotto in materia di sorveglianza dei conti pubblici una dose accresciuta di flessibilità contro la volontà di certi stati membri e non dei meno importanti: soprattutto di quello che secondo lui domina l'insieme dell'Europa", ha aggiunto riferendosi alla Germania. "L'Italia approfitta di tutte le flessibilità introdotte e sono stato sorpreso alla fine della presidenza italiana che Renzi abbia detto al Parlamento europeo che era stato lui ad avere introdotto la flessibilità". In realtà, ha rivendicato, "sono stato io e non lui, anche se con il suo appoggio. E chi mi ha accompagnato nel convicere i contrari non si esprimeva solo con le lingue del sud, credetemi. Bisogna su questo attenersi alla realtà e alla verità".  (AGI)

(15 gennaio 2016)