Economia

Un pensionato in famiglia salva dalla povertà

04/01/2016 13:16

Roma - Un nonno in casa aiuta a far quadrare i conti e salva dalla povertà. E' quanto emerge dal rapporto Istat sulla 'Condizione di vita dei pensionati 2013-2014' secondo cui un pensionato in famiglia rappresenta per molti una risorsa vitale. In particolare per quasi i due terzi delle famiglie che vivono con un genitore - circa 12 milioni 400 mila - i trasferimenti pensionistici rappresentano oltre il 75% del reddito familiare disponibile (per il 26,5% l'unica fonte di reddito). E nel 2013, "il rischio di poverta' tra le famiglie con pensionati e' stimato essere piu' basso di quello delle altre famiglie (16% contro 22,1%), a indicare come, in molti casi, il reddito pensionistico possa mettere al riparo da situazioni di forte disagio economico. 

Di contro i pensionati che vivono soli corrono un elevato rischio povertà. Tradotto in numeri appartengono a questa categoria il 22,3% dei pensionati. Non solo: "la situazione e' piu' grave quando con il proprio reddito pensionistico si deve sostenere anche il peso di altri componenti adulti che non percepiscono redditi da lavoro: circa un terzo di tali famiglie (31,3%) e' stimato essere a rischio di poverta'". 

Istat, 134mila pensionati in meno nel 2014

A completare il quadro arriva anche un sondaggio online lanciato da Coldiretti, secondo cui "il 93 per cento degli italiani ritiene che la presenza di un pensionato in famiglia sia una fortuna con una netta inversione di tendenza nella percezione del ruolo degli anziani rispetto al passato". In particolare, ben il 37 per cento sostiene che un pensionato in famiglia sia determinante per contribuire al reddito, mentre il 35 per cento lo considerata un valido aiuto per accudire i nipoti al di fuori degli asili e della scuola. C'e' anche un 17 per cento che ne apprezza i consigli offerti grazie all'esperienza e un 4 per cento che si avvantaggia dell'apporto lavorativo nella casa mentre appena il 7 per cento degli italiani considera i pensionati un peso o un ostacolo". 

infografica pensionati

Secondo l'Istat, nel 2014, i pensionati ammontavano a 6,3 milioni (-134 mila rispetto al 2013) con un reddito pensionistico lordo medio di 17.040 euro (+400 euro circa sull'anno precedente). Mentre il reddito medio pensionistico netto e' stimato 13 mila 647 euro (circa 1.140 euro mensili); tenendo conto di tutti i trattamenti, la meta' dei pensionati percepisce meno di 12 mila 532 euro (1.045 euro mensili)". Ma le donne (il 52,9%) ricevono mediamente importi di circa 6 mila euro inferiori a quelli maschili. Lo studio rileva, inoltre, che "se il pensionato possiede un titolo di studio pari alla laurea, il suo reddito lordo pensionistico (circa 2.490 euro mensili) e' piu' che doppio di quello delle persone senza titolo di studio o con al piu' la licenza elementare (1.130 euro)".  (AGI)

(4 gennaio 2016)