Giubileo

Papa, ragazzi non suonate la tromba se fate qualcosa di buono

CdV - "State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, Quando fai l'elemosina non suonare la tromba davanti a te. Il Padre tuo, che vede nel segreto ti ricompensera'". Papa Francesco ha ripetuto oggi queste raccomandazioni contenute nel Vangelo ai giovani riuniti a Pompei per l'iniziativa "KeepLent",promossa e organizzata dal Servizio per la Pastorale Giovanile della Prelatura "per annunciare il Vangelo quaresimale attraverso i social network". Il Pontefice li ha raggiunti con un audiomessaggio diffuso tramite App. "La parola di Dio - ha spiegato ai giovani - ci da il giusto orientamento per vivere bene la Quaresima. Quando facciamo qualcosa di bene, a volte siamo tentati di essere apprezzati e di avere una ricompensa: la gloria umana. Ma si tratta di una ricompensa falsa perche' ci proietta verso quello che gli altri pensano di noi".

Secondo Francesco, "Gesù ci chiede di fare il bene perché è bene. Ci chiede di sentirci sempre sotto lo sguardo del Padre celeste e di vivere in rapporto a Lui, non in rapporto al giudizio degli altri". "Vivere alla presenza del Padre e' una gioia - ha assicurato Bergoglio ai ragazzi di Pompei - molto piu' profonda di una gloria mondana". "Il nostro atteggiamento in questa Quaresima - ha esortato il Papa - sia dunque di vivere nel segreto dove il Padre ci vede, ci ama, ci aspetta. Certo, anche le cose esteriori sono importanti, ma dobbiamo sempre scegliere e vivere alla presenza di Dio". "Facciamo nella preghiera, nella mortificazione, e nella carita' fraterna - ha quindi concluso - quello che possiamo, umilmente, davanti a Dio. Così saremo degni della ricompensa di Dio Padre. Buona Quaresima, la Madonna di Pompei vi accompagni e, per favore, pregate per me". (AGI) 


10 febbraio 2016 ©