Cronaca

Sambuca di Sicilia è il "Borgo dei borghi"

Roma - E' Sambuca di Sicilia il Borgo dei borghi 2016. Il paese agrigentino, che conta meno di seimila abitanti, si e' aggiudicato il titolo nel corso della trasmissione di Rai3 "Alle falde del Kilimangiaro" in onda in prima serata la domenica di Pasqua. E' il terzo comune siciliano, dopo Gangi (2014) e Montalbano Elicona (2015), a vincere la competizione che ogni anno mette in vetrina 20 borghi, uno per ogni regione, scelti tra i piu' belli, interessanti e suggestivi del nostro Paese in collaborazione con l'Associazione Borghi d'Italia e votati dal pubblico attraverso il web-voting. Da quest'anno al voto sul web si e' aggiunta una giuria formata dall'attrice Anna Kanakis, dal critico d'arte Philippe Daverio e dallo chef Hiroiko Shoda. L'annuncio ufficiale della vittoria ha entusiasmato l'intero paese agrigentino, adulti e bambini in piazza per seguire su un maxi schermo, la trasmissione Rai. 

Guarda le FOTO


"E' un riconoscimento assai ambito per ogni amministratore e per tutti i cittadini -commenta il sindaco Leo Ciaccio- ad essere premiate non sono solo le bellezze storiche, architettoniche e paesaggistiche di Sambuca ma il lavoro di un'intera comunita'. Il vero impegno inizia adesso. Abbiamo la responsabilita' e il dovere di tenere alto il vessillo, di accogliere i turisti nel miglior modo possibile, di incrementare le attivita' economiche e artigianali e di far veicolare nel miglior modo possibile l'immagine di Sambuca al di fuori dei confini regionali. Un ringraziamento particolare anche ai sindaci dei paesi vicini che ci hanno dato una mano per arrivare alla vittoria finale. Sono convinto che i riflettori su Sambuca potranno fare da traino anche per il resto dei Comuni delle Terre Sicane, portando ad uno sviluppo dell'intero territorio". Sambuca, che si trova a pochi chilometri dal mare di Menfi, da Sciacca e dal Parco archeologico di Selinunte, vanta una storia antica, che affonda le radici negli anni della dominazione araba, secondo le fonti storiche a fondarla fu l'emiro saraceno Zabut, che proprio su quella collina decise di costruire il suo castello. Della fortezza ormai non c'e' piu' traccia, su quelle pietre e' nato un terrazzo, il Belvedere, che domina la campagna circostante, di intatto e' rimasto il quartiere saraceno, con le sue vie strette, cieche, tortuose, arricchite da piccoli cortili e da purrere (cave sotterranee) riportate recentemente alla luce, un gioiello di pianta urbana che ricalca perfettamente la visione dei centri storici delle citta' arabe. Il nuovo Borgo d'Italia e' famoso anche per le sue chiese, se ne contano una ventina, alcune delle quali sono state adibite a museo, dove si possono ammirare le opere del pittore Gianbecchina o le originali sculture tessili di Sylvie Clavel, e poi ancora palazzi storici, il prezioso museo archeologico di Palazzo Panitteri, il teatro ottocentesco e i resti di un antico acquedotto romano. Da visitare assolutamente l'area archeologica di monte Adranone, e per chi ama la natura vale la pena fare un salto alla riserva naturale di monte Genuardo o una passeggiata lungo le sponde del lago Arancio intorno al quale sorgono rigogliosi vigneti e uliveti. Da assaggiare le "minni di virgini", dolce tipico di Sambuca, composto da pasta frolla, crema di latte, zuccata, gocce di cioccolato, cannella e impreziosito all'esterno dalla diavulina (palline di zucchero colorato), la ricetta risale al 1725 e fu ideata da suor Virginia Casale di Rocca Menna, in occasione del matrimonio del marchese don Pietro Beccadelli con donna Marianna Gravina. (AGI) 


28 marzo 2016 ©