Cronaca

Maltempo, un morto in Calabria

Reggio Calabria. - Un uomo è morto nel Reggino a causa di un albero che, sradicato dal forte vento, si è abbattuto sulla sua auto. Il dramma è accaduto a Candidoni, paesino della piana di Gioia Tauro (RC). Rocco Montorro, cinquantenne agricoltore, stava tornando a casa dal lavoro, quando un eucalipto è crollato sulla sua macchina, uccidendolo sul colpo.

A Cosenza, un anziano è stato colpito, per strada, da alcuni detriti volati dal tetto di un palazzo. Ferito, è stato soccorso dalla polizia e accompagnato in ospedale. Le coperture di diversi palazzi sono state asportate dal vento. Alcuni pannelli sono stati divelti anche dal tetto dell'edificio che ospita la prefettura.

 Albero cade nel Vibonese, grave bimbo di 8 anni

Intorno alle 6,20 di stamattina le forti piogge delle ultime ore hanno porvocato una frana sui binari della linea Biella-Novara, nel tratto fra i paesi di Cossato e Rovasenda, durante il transito del treno regionale n. 4835, partito da Biella alle 6,05, che è uscito dai binari. I 13 passeggeri che erano a bordo, tutti illesi, sono stati accompagnati nella stazione di Cossato.

Guarda il VIDEO

Il maltempo è colpa della bassa pressione proveniente dal Nordatlantico, scesa di latitudine fino a raggiungere la Francia e quindi la Spagna. Una volta raggiunta la Spagna, la bassa pressione ha richiamato dall'Africa intensi venti sciroccali su tutti i nostri bacini, venti che stanno causando un importante peggioramento del tempo ad iniziare dal Nordovest. Precipitazioni abbondanti su gran parte del Piemonte, Liguria, Toscana, Lazio anche con temporali forti e continui sulle coste della Toscana e Lazio, anche a Roma. In serata e nottata intenso maltempo sul Triveneto, specie sul Veneto. Neve molto copiosa sull'arco alpino sopra i 700/800 metri al Nordovest, dai 1200 metri al Nordest, 1500 metri delle Prealpi orientali. Neve in Appennino tra 1000 e 1500 metri, da 900 metri in Sardegna.

La situazione non migliorerà domani: ancora maltempo al Nord, specie Triveneto, Toscana, Lazio, Sardegna occidentale, Liguria e con piogge e temporali localmente forti. Neve copiosa sulle Alpi e Appennini sopra i 900/1200 metri. Il forte vento di Scirocco favorisce l'aumento di marea a Venezia, previsti fino a 100 cm di acqua alta nelle prime ore di Lunedì. Infine, venti forti di Scirocco e Libeccio su gran parte dei bacini. Anche di Burrasca in Adriatico e alto Tirreno con conseguenti intense mareggiate.

L'arrivo delle perturbazioni è motivo di preoccupazione per la Protezione civile, ma sono un bene per l'agricoltura. Questi giorni di neve e pioggia sono manna per battere una grave siccità in un inverno caldo e arido che ha impoverito la riserva idrica disponibile nei terreni, nei fiumi e nei laghi e ci vuole anche più neve sulle montagne. E' quanto afferma la Coldiretti, in riferimento all'ondata di maltempo che sta attraversando la Penisola nel sottolineare che l'acqua è importante per la crescita delle piante ma anche per la vita delle persone. C'e' ancora una situazione di drammatica siccita' invernale e - sottolinea la Coldiretti - manca l'acqua per le coltivazioni con grano, orzo, colza e farro in sofferenza mentre si teme per le prossime semine di barbabietole, mais e soia fondamentali per l'alimentazione del bestiame. A gennaio le precipitazioni in Italia - conclude la Coldiretti - erano state gia' inferiori del 18% mentre il mese di dicembre 2015 si e' classificato come il meno piovoso dal 1800 in cui sono iniziate le rilevazioni (- 91%).

(AGI)


28 febbraio 2016 ©