Cronaca

Olio tunisino: Coldiretti, "il rischio è il moltiplicarsi di frodi"

Roma - Dopo che nel 2015 in Italia sono aumentate del 481% le importazioni dell'olio di oliva della Tunisia per un totale di oltre 90 milioni di chili è un errore l'accesso temporaneo supplementare sul mercato dell'Unione di 35mila tonnellate di olio d'oliva tunisino a dazio zero, per il 2016 e 2017. E' quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo sulla base dei dati Istat relativi ai primi 11 mesi del 2015, in riferimento alle modifiche approvate dall'Europarlamento al provvedimento che dovrà ora essere riesaminato dal Consiglio Ue. Il nuovo contingente agevolato - sottolinea Moncalvo - andrebbe tra l'altro ad aggiungersi alle attuali 56.700 tonnellate a dazio zero gia' previste dall'accordo di associazione Ue-Tunisia, portando il totale degli arrivi "agevolati" annuale oltre quota 90mila tonnellate, praticamente tutto l'import in Italia dal Paese africano. "Il rischio concreto in un anno importante per la ripresa dell'olivicoltura nazionale e' il moltiplicarsi di frodi, con gli oli di oliva importati che vengono spesso mescolati con quelli nazionali per acquisire, con le immagini in etichetta e sotto la copertura di marchi storici, magari ceduti all'estero, una parvenza di italianita' da sfruttare sui mercati nazionali ed esteri, a danno dei produttori italiani e dei consumatori" continua Moncalvo. Diventa dunque ancora piu' urgente - conclude Moncalvo - arrivare all'attuazione completa delle norme gia' varate con la legge salva olio "Mongiello", la n. 9 del 2013, dai controlli per la valutazione organolettica ai regimi di importazione per verificare la qualita' merceologica dei prodotti in entrata.(AGI)


25 febbraio 2016 ©