Cronaca

Sigilli al castello di Augusta, Crocetta indagato

Siracusa - Il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta è indagato per omissione di atti d'ufficio, danneggiamento del patrimonio archeologico e artistico nazionale e omissioni di lavori in edifici o costruzioni che minacciavano rovina, nell'ambito dell'inchiesta che ha portato oggi al sequestro del Castello Svevo di Augusta.

I carabinieri del Nucleo per la tutela del patrimonio culturale di Siracusa hanno eseguito il provvedimento emesso dal Gip Michele Consiglio, su richiesta del sostituto procuratore Marco Di Mauro.

Tra gli indagati anche l'ex governatore Raffaele Lombardo e i dirigente regionali Gaetano Pennino, Rino Giglione, Sergio Gelardi e Gesualdo Campo.

L'indagine, coordinata dal procuratore Francesco Paolo Giordano, contesta gravi mancanze nella manutenzione del Castello Svevo di Augusta. Il fascicolo è stato aperto dopo una denuncia presentata da Italia Nostra che ha evidenziato gli estesi danneggiamenti strutturali, "dovuti esclusivamente - spiega la procura - alla mancata manutenzione e all'abbandono del munumento da parte della Regione siciliana".

Gli accertamenti hanno verificato le lesioni esterne "dovute all'omissione dei lavori necessari che costituiscono la causa del deterioramento". Una inerzia "protrattasi nel tempo", "con grave rischio per l'incolumità pubblica, e sin da quando era presidente della Regione Raffaele Lombardo", che per questo risulta tra gli indagati.

Il sequestro, aggiunge la procura, "si è reso necessario per tutelare l'incolumità e la sicurezza personale dei turisti, atteso che il Castello Svevo potrebbe crollare da un momento all'altro". Il bene culturale è stato affidato alla sovrintendente di Siracusa Rosalba Panvini. (AGI) 


16 febbraio 2016 ©