Cronaca

Papa: ho voluto tanto l'incontro con mio fratello Kirill

L'Avana - "Buongiorno. Vi ringrazio per la vostra presenza. Farete un viaggo impegnativo ma tanto voluto. Voluto da mio fratello Cirillo, da me e anche dai messicani". Con queste parole Papa Francesco ha salutato gli oltre 70 giornalisti che volavano con lui verso Cuba e proseguiranno in serata, con lo stesso aereo Alitalia, alla volta di Citta' del Messico. Ai giornalisti il Papa ha confidato in particolare la sua "voglia di pregare davanti alla Madonna di Guadalupe". E ha ricordato il miracolo dell'icona acherotipa della Vergine donata a Juan Diego, il più umile degli indii come testimonianza dell'apparizione. "Si studia, si studia ma non ci sono spiegazioni umane", ha osservato. "Questo è una cosa di Dio. Tanto che ci sono messicani che dicono: 'Sono ateo ma Guadalupano'", ha ricordato il Papa. A nome dei giornalisti, e' toccato alla 'decana' Valentina Alzraki, inviata dell'emittente messicana che ha seguito nel 1979 il primo viaggio di Giovanni Paolo II e tutti i voli papali compiuti da allora, rispondere al saluto del Papa. Valentina gli ha anche donato un sombrero bianco ricordando di aver consegnato lo stesso oggetto anche a Wojtyla in quella prima visita e a Benedetto XVI nel viaggio in Messico del 2012. Inoltre ha raccontato che il sombrero donato oggi ha una storia davvero curiosa: una famiglia messicana lo aveva portato a Cuba lo scorso settembre per regalarlo a Francesco durante la sua visita. E non riuscendo a consegnarlo alla Nunziatura dell'Avana, riconoscendo Valentina nella hall dell'hotel lo aveva affidato alla giornalista. (AGI) 


12 febbraio 2016 ©
12/02/2016 09:49

Roma - Attacco di Donald Trump al Papa. Alla vigilia della partenza di Bergoglio per il Messico, l'esplosivo candidato alla nomination repubblicana per la Casa Bianca che promette la costruzione di un muro al confine con il Paese centroamericano, ha criticato il viaggio del pontefice e la sua vicinanza agli immigrati. "Credo che il Papa sia un sogetto molto politicizzato. Credo che non capisca i problemi della nostra nazione. Non penso che abbia chiaro il pericolo del confine che attualmente lasciamo aperto con il Messico" ha detto in una intervista telefonica rilasciata a Fox Business. Il Papa arriva in Messico nel momento in cui sta entrando nel vivo la corsa alla casa Bianca. Il 17 febbraio Bergoglio farà tappa a Ciudad Juarez, la città dello stato di Chihuahua al confine con gli Stati Uniti e di fronte a El Paso (Texas) dove renderà omaggio ai migranti morti nel tentativo di attraversare a nuoto il Rio Grande, il fiume che segna il confine, replicando il gesto già fatto a Lampedusa. Non e' la prima volta, ricorda il New York Times, che Trump critica il Papa. Anche prima della visita di Francesco negli Usa la scorsa estate il magnate, in una intervista alla Cnn, aveva definito il potefice "molto politicizzato". (AGI) 

10/02/2016 10:15

CdV - "Quante famiglie sono sulla strada vittime dell'usura!". Lo ha esclamato Papa Francesco parlando a braccio in piazza San Pietro. "Per favore - ha chiesto ai 30 mila fedeli presenti all'Udienza Generale di oggi - preghiamo perché in questo Giubileo il Signore tolga dal cuore da tutti moi questa voglia, dell'usura, di avere di più. E ci renda generosi e grandi". "Tante volte - ha ricordato - nella disperazione uomini finiscono nel suicidio perche' non ce la fanno e non hanno una speranza, non c'è la mano tesa che li aiuta ma solo quella che viebne a fargli pagare gli interessi". "E' un grande peccato l'usura. Il Signore invece ha promesso la sua misericordia a tutti: sempre il Signore ti darà il doppio. Se vogliamo la misericordia di Dio cominciamo a farla noi", ha chiesto Francesco ai pellegrini.

"La Sacra Scrittura - ha ricordato il Papa - esorta con insistenza a rispondere generosamente alle richieste di prestiti, senza fare calcoli meschini e senza pretendere interessi impossibili: "Se il tuo fratello che e' presso di te cade in miseria ed e' privo di mezzi, aiutalo, come un forestiero e ospite, perche' possa vivere presso di te". In proposito, Francesco ha citato la Bibbia: "non prendere da lui interessi, ne' utili; ma temi il tuo Dio e fà vivere il tuo fratello presso di te. Non gli presterai il denaro a interesse, ne' gli darai il vitto ad usura". "Questo insegnamento - ha poi concluso - e' sempre attuale. Quante situazioni di usura siamo costretti a vedere e quanta sofferenza e angoscia portano alle famiglie! E' un grave peccato che grida al cospetto di Dio. Il Signore invece ha promesso la sua benedizione a chi apre la mano per dare con larghezza. Cari fratelli e sorelle, il messaggio biblico e' molto chiaro: aprirsi con coraggio alla condivisione . Tra concittadini, tra famiglie, tra popoli, tra continenti. Contribuire a realizzare una terra senza poveri vuol dire costruire società senza discriminazioni, basate sulla solidarietà che porta a condividere quanto si possiede, in una ripartizione delle risorse fondata sulla fratellanza e sulla giustizia. Grazie".(AGI)

10/02/2016 09:51

CdV - "State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, Quando fai l'elemosina non suonare la tromba davanti a te. Il Padre tuo, che vede nel segreto ti ricompensera'". Papa Francesco ha ripetuto oggi queste raccomandazioni contenute nel Vangelo ai giovani riuniti a Pompei per l'iniziativa "KeepLent",promossa e organizzata dal Servizio per la Pastorale Giovanile della Prelatura "per annunciare il Vangelo quaresimale attraverso i social network". Il Pontefice li ha raggiunti con un audiomessaggio diffuso tramite App. "La parola di Dio - ha spiegato ai giovani - ci da il giusto orientamento per vivere bene la Quaresima. Quando facciamo qualcosa di bene, a volte siamo tentati di essere apprezzati e di avere una ricompensa: la gloria umana. Ma si tratta di una ricompensa falsa perche' ci proietta verso quello che gli altri pensano di noi".

Secondo Francesco, "Gesù ci chiede di fare il bene perché è bene. Ci chiede di sentirci sempre sotto lo sguardo del Padre celeste e di vivere in rapporto a Lui, non in rapporto al giudizio degli altri". "Vivere alla presenza del Padre e' una gioia - ha assicurato Bergoglio ai ragazzi di Pompei - molto piu' profonda di una gloria mondana". "Il nostro atteggiamento in questa Quaresima - ha esortato il Papa - sia dunque di vivere nel segreto dove il Padre ci vede, ci ama, ci aspetta. Certo, anche le cose esteriori sono importanti, ma dobbiamo sempre scegliere e vivere alla presenza di Dio". "Facciamo nella preghiera, nella mortificazione, e nella carita' fraterna - ha quindi concluso - quello che possiamo, umilmente, davanti a Dio. Così saremo degni della ricompensa di Dio Padre. Buona Quaresima, la Madonna di Pompei vi accompagni e, per favore, pregate per me". (AGI) 

08/02/2016 15:03

CdV - E' stato pubblicato il programma del viaggio apostolico di Papa Francesco in Messico, dal 12 al 18 febbraio, che prevede anche l'incontro privato, di tre ore, con il Patriarca di Mosca Kirill, durante lo scalo all'Avana, in cui si firmerà una dichiarazione congiunta. L'arrivo a Città del Messico è previsto alle 19.30 del 12 febbraio. Il giorno dopo il Pontefice avrà una visita di cortesia con il presidente della Repubblica e un incontro con le autorità, la società civile e con il corpo diplomatico. Seguirà poi un incontro con i vescovi del Messico in Cattedrale e la Santa messa nella Basilica di Guadalupe. Domenica 14 è previsto il trasferimento in elicottero a Ecatepec, per la messa nell'area del Centro Studi. Di ritorno a Città del Messico, Papa Francesco visiterà l'ospedale pediatrico Federico Gomez. Lunedi' è prevista la messa con le comunità indigene del Chiapas a San Cristobal de Las Casas e nel pomeriggio l'incontro con le famiglie nello stadio Victor Manuel Reyna a Tuxtla Gutierrez. Il giorno seguente sono previsti gli incontri con i sacerdoti, religiose, religiosi, consacrati e seminaristi a Morelia e l'incontro con i giovani nello stadio Josè maria Morelos y Pavon. Nel viaggio papale non può mancare anche la visita a un penitenziario: a Ciudad Juarez, mercoledi' 17. Qui incontrerà anche il mondo del lavoro. La sera di mercoledì e' prevista infine la cerimonia di congedo e la partenza per Roma. (AGI)