Cronaca

Da Abdeslam a Messina Denaro, i più ricercati in Ue

L'Aja - L'Europol ha lanciato oggi un nuovo sito on-line dedicato ai criminali piu' ricercati del Vecchio Continente, con lo scopo di "condividere le informazioni" sui responsabili tanto di delitti particolarmente gravi quanto di atti terroristici: e' la risposta dell'agenzia di polizia dell'Unione Europea alle critiche per la mancanza di coordinamento all'interno dell'apparato comunitario, piovute dopo gli attacchi a Parigi del 13 novembre scorso. Non a caso la 'lista nera' iniziale, che conta 45 nominativi ma che potra' essere aggiornata costantemente dai singoli Stati membri, comprende tra gli altri il super-latitante Salah Abdeslam, il 26enne jihadista francese di origini marocchine, naturalizzato belga, considerato uno degli organizzatori delle stragi nella capitale francese e indicato quale "individuo armato estremamente pericoloso". Sono peraltro inserite figure molto diverse tra loro: spiccano gli italiani Matteo Messina Denaro, primula rossa di Cosa Nostra, ed Ernesto Fazzalari, 45 anni, descritto come uno "spietato assassino", esponente dell'omonima 'ndrina, co-protagonista della famigerata faida di Taurianova, una delle piu' sanguinose vicende di 'ndrangheta.

Da Messina Denaro a Morabito, i 7 uomini piu' ricercati d'Italia

L'elenco cita poi il romeno Gregorian Bivolaru, 63enne sedicente guru e yogi, condannato per abusi su minori e pedo-pornografia, nonche' la giovane iper-trufatrice finlandese Maria Cecilia Kettunen, accusata di aver trafugato enormi somme di denaro. "E' la prima iniziativa del genere a livello pan-europeo, presentata congiuntamente sulla base di una piattaforma comune", si sottolinea in una nota. Anche i singoli comuni cittadini potranno contribuirvi attivamente inviando segnalazioni, eventualmente anonime, all'indirizzo www.eumostwanted.com. Per ogni delinquente o terrorista sono fornite una foto segnaletica e la descrizione degli addebiti a suo carico, corredate da un numero di telefono per mettersi in contatto con gli inquirenti. Realizzato in collaborazione con 'enFast-1', rete continentale di specialisti investigativi, il sito comunitario e' disponibile in diciassette lingue diverse. (AGI)