Cronaca

Non solo Prada: contraffazione brucia 6,5 miliardi

Roma - Non solo Prada, il mercato del falso in Italia genera un fatturato di 6,5 miliardi e colpisce soprattutto l'abbigliamento e gli accessori per 2,2 miliardi, il comparto cd, dvd e software per 1,8 miliardi e i prodotti alimentari per poco piu' di un miliardo di euro. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare la chiusura del sito che vendeva prodotti con il marchio clonato Prada, sulla base dei dati Censis e Ministero dello Sviluppo economico. Si stima che - sottolinea la Coldiretti - se i prodotti contraffatti fossero realizzati e commercializzati sul mercato legale la produzione aggiuntiva genererebbe ben 105mila lavoratori regolari occupati a tempo pieno. Al danno economico ed occupazionale si aggiunge quello di immagine con la presenza sul mercato di prodotti di imitazione che non hanno le stesse caratteristiche qualitative di quelli originali ma in alcuni casi, come per i prodotti alimentari e farmaceutici, i rischi - precisa la Coldiretti - riguardano anche la salute dei potenziali acquirenti.

Gli inganni - continua la Coldiretti - sono aumentati con la diffusione del commercio on line attraverso il quale hanno fatto acquisti ben il 48,7% degli italiani con piu' di 15 anni che navigano su internet, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Istat relativi al 2015. In particolare il 41,9% ha acquistato biglietti di trasporto o viaggi, il 37,9% abbigliamento, il 33,2% informatica e tecnologia il 28,8% articoli per la casa, il 28,8% libri e riviste, il 26,8% film, musica e biglietti per spettacoli, il 13,6% servizi di telecomunicazione o assicurativi e il 7,3% prodotti alimentari. Dalla mortadella prodotta negli Usa dove si vende addirittura il kit per preparare il Parmigiano ma anche il Chianti bianco svedese o il vino in polvere per ottenere in poche settimane il Barolo confezionato in Canada sono alcuni degli orrori che si possono acquistare in rete, secondo quanto emerso dal Rapporto Agromafie elaborato da Coldiretti, Eurispes, e Osservatorio sulla criminalita' nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare. Tra gli alimenti per i quali si riscontrano frodi piu' frequenti, ci sono i prodotti tipici della tradizione locale e regionale (32%), i prodotti Dop e Igp (16%) ed i semilavorati (insaccati, sughi, conserve, ecc.,12%). Tra le categorie contraffatte il primato negativo spetta ai formaggi Dop; seguono le creme spalmabili e i salumi. I Nuclei Antifrodi dei Carabinieri - conclude la Coldiretti - hanno individuato 70 diverse tipologie di prodotti alimentari contraffatti in vendita sulla Rete. (AGI)

(22 gennaio 2016)