Cronaca

Ashley, l'ambasciatore Usa "attenti a uscire la sera"

14/01/2016 16:40

Roma - Il caso Ashley Olsen "e' una lezione per tutti: bisogna stare attenti quando si esce la sera e con persone che non si conoscono". E' l'appello che ha lanciato l'ambasciatore statunitense in Italia, John Phillips, commentando l'episodio di Firenze con i cronisti a margine di un seminario in corso all'ambasciata al quale partecipa anche il ministro dell'Istruzione italiano, Stefania Giannini. "Abbiamo 30.000 studenti statunitensi qui in Italia - ha aggiunto Phillips - ai quali diamo delle indicazioni per assicurarci che si comportino correttamente. Penso che questo sfortunato episodio non abbia comunque nulla a che fare con i nostri programmi studenteschi". Alla domanda se ha ricevuto informazioni di qualsiasi tipo in merito al presunto assassino della giovane, l'ambasciatore ha risposto: "No, non ne so piu' di voi, ho appreso questa notizia dell'arrestato oggi. Ovviamente e' tragico per la famiglia. Non sono cose che capitano normalmente. La famiglia di Ashley e' molto scossa e noi cerchiamo di fornire tutto il supporto necessario".

(14 gennaio 2016)
.

14/01/2016 10:38

Firenze. - Svolta a Firenze per la morte di Ashley Olsen, la 35enne americana trovata strangolata nel suo appartamento del centro storico del capoluogo toscano sabato scorso. Nella notte è stato fermato, con l'accusa di omicidio aggravato dalla crudeltà, un giovane senegalese, Diaw Cheik Tidianee, di 28 anni.

Il giovane fermato avrebbe fornito una versione "sostanzialmente ammissiva". 

Il Procuratore Capo di Firenze, Giuseppe Creazzo, durante una conferenza stampa ha spiegato che "il giovane è del tutto sconosciuto alla polizia, incensurato, è arrivato in Italia per raggiungere il fratello. A suo carico sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza. Il fatto che alcuni testimoni abbiano visto il ragazzo allontanarsi con Ashley dalla discoteca 'Montecarla', i filmati delle telecamere lo hanno ripreso entrare con la ragazza nel suo appartamento ed in piu' ha inserito la propria scheda telefonica nel cellulare di Ashley. Le prove decisive però - ha concluso Creazzo - sono arrivate ieri e sono le prove dei reperti biologici".

NESSUN GIOCO EROTICO - Il Procuratore Capo ha aggiunto che si sarebbe consumato fra l'omicida e la vittima un rapporto sessuale consenziente. "Non si tratta di gioco erotico. Abbiamo elemeni per pensare che avessero assunto sostanze che non li rendevano molto lucidi. Ma si aspettano i risultati degli esami tossicologici".

Creazzo ha spiegato che la donna è stata strangolata e che il cranio presentava due forti traumi. Nella casa di Ashley, gli agenti di polizia, durante le indagini, hanno trovato un preservativo e una sigaretta, con tracce biologiche riconducibili al giovane. Gli agenti della squadra mobile lo hanno fermato in nottata, trovandolo in un appartamento fuori dal centro storico fiorentino. Era arrivato a Firenze da pochi mesi.   (AGI)

(14 gennaio 2016)

13/01/2016 10:28

Firenze - C'è un uomo sospettato della morte della statunitense Ashley Olsen trovata nuda nel letto dal fidanzato la sera di sabato. Non solo:  prende sempre piu' corpo l'ipotesi di un gioco erotico finito in tragedia. Questo quanto si apprende da fonti investigative.

Vai alla galleria fotografica

Da una prima ricostruzione dell'esame autoptico, sarebbe infatti risultato che la donna avrebbe avuto un rapporto sessuale. Ashley Olsen sarebbe stata vista in compagnia di un uomo, lo stesso ripreso dalle telecamere assieme a lei per strada, all'angolo con la sua abitazione. 

I due si sarebbero poi avviati insieme e una telecamera li ha ripresi all'incrocio con via dei Serragli mente giravano in via Santa Monaca dove Ashley viveva. 

(13 dicembre 2016) 

11/01/2016 17:46

Firenze - Saranno forse le telecamere posizionate nella zona dove Ashley Olson viveva a dare un volto e un nome all'assassino dell'americana 35enne, trovata senza vita sabato notte. Intanto la procura di Firenze ha aperto un fascicolo per omicidio contro ignoti. Al momento non ci sono indagati e la versione del fidanzato sembra aver convinto gli inquirenti che parlano di un omicidio d'impeto, non premeditato. Non si parla di nient'altro nel quartiere della movida fiorentina che da sabato è sotto schok e urla ai tanti cronisti presenti'sciacalli'. Nessuna infrazione sulla porta e dunque per gli inquirenti dovrebbe essere lei ad aver aperto al suo assassino.

Al momento le indagini si stanno concentrando su giovedì sera, l'ultima volta che è stata vista viva. Era in un locale: il Montecarla chiuso più volte dalla polizia per spaccio di stupefacenti. Sul portone del piccolo appartamento che divideva col suo inseparabile cane beagle in via Santa Monaca al 3 bigliettini e fiori e una scritta con un pennarello rosso che dice 'lui è colpevole'. Per oggi presso il centro di medicina legale di Firenze è attesa l'autopsia che potrà dare ulteriori informazioni. La mamma della ragazza, Jennifer, affida a Facebook le sue unice parole: "Il dolore che sto provando è più di quanto io possa sopportare. Sono devastata e non so per quanto ancora possa sopportare. Questo è il peggior tipo di dolore!!".

Intanto è tornato a casa dopo ore passate in questura Federico Fiorentino, il pittore 43enne fidanzato di Ashley. C'è chi lo descrive come una persona tranquilla e chi invece come un uomo geloso e possessivo. E' stato proprio lui, preoccupato per non aver sentito da tre giorni Ashley dopo un litigio, a chiamare la proprietaria dell'appartamento e a fare la macabra scoperta. Ha detto agli inquirenti di averla trovata nuda sul letto e di averla spostata nel centro della stanza per cercare di rianimarla e di aver subito chiamato il 118. E dà lì i lievi graffi sulla mano dell'uomo che inizialmente avevano fatto insospettire gli investigatori. Ma la versione del fidanzato al momento sembra aver convinto gli inquirenti. Intanto la poplizia postale sta verificando il computer e il cellulare di Ashley. Nel pomeriggio sarà effettuata l'autopsia. L'unico che al momento sa la verità e' l'inseparabile cane beagle, che ha vegliato sul cadavere.  (AGI)

(11 gennaio 2016)