YouTrend

Chi vincerà le presidenziali francesi, i sondaggi 

Domenica 23 aprile quasi 47 milioni di elettori francesi saranno chiamati alle urne per il primo turno delle elezioni presidenziali 2017, e mai come quest’anno la situazione sembra incerta, con i quattro maggiori candidati racchiusi in una manciata di punti.

Secondo la media compilata dall’Huffington Post francese:

  • Il centrista Emmanuel Macron (candidato di “En Marche”) è dato al 23%
  • La leader del Front National Marine Le Pen al 22,4% 
  • Il candidato del centrodestra (“Les Republicains”) François Fillon al 19,9% 
  • Per la sinistra radicale (“la France insoumise”) Jean-Luc Mélenchon, al 19,8%.

Per fare un raffronto, la tendenza dell’ultimo mese sembra premiare leggermente Fillon, ma soprattutto Mélenchon, che trenta giorni fa era accreditato del 12,7% - poco più del suo risultato di cinque anni fa, quando si fermò all’11% - e oggi invece risulterebbe vicino a quota 20.

Risultato incerto per il ballottaggio

Al ballottaggio del 7 maggio, insomma, margine d’errore alla mano potrebbe arrivare davvero chiunque dei 4 candidati oggi in testa: per risalire a un risultato così incerto bisogna tornare al 2002, quando l’anziano leader della destra Jean-Marie Le Pen, dato sfavorito dai sondaggi della vigilia, ottenne il 16,8% e scalzò dalla seconda piazza l’ex primo ministro socialista Lionel Jospin, fermo al 16,2, per poi schiantarsi al ballottaggio contro il presidente uscente Jacques Chirac (finì 82% a 18%).

Certo, uno degli elementi determinanti in una partita così ravvicinata, e in cui quasi il 30% degli elettori si dice indeciso secondo lo studio Cevipof-Le Monde, è la mobilitazione dei diversi elettorati. Da qui vengono i profili più preoccupanti per Emmanuel Macron, e che più speranze riservano ai due candidati della destra: su 100 elettori attuali del candidato di “En Marche”, infatti, solo 68 sono sicuri del proprio voto secondo Ifop. Una percentuale analoga a Jean-Luc Mélenchon (69) ma di gran lunga inferiore a quella degli elettori di Fillon (81) e Le Pen (83). Molto si deciderà insomma in questi ultimi giorni: Macron riuscirà a convincere quella platea di elettori che sembra prendere in considerazione di votare per lui, ma che non è ancora certa della propria scelta?

Pesa sul risultato età e professione degli elettori

Oltre all’incertezza, un altro dato chiave di questa elezione è la composizione sociale dei diversi elettorati, ed i sondaggi lasciano presagire una Francia spaccata non solo politicamente, ma anche socialmente.

  • Se votassero solo i giovani con meno di 35 anni non ci sarebbe storia: il ballottaggio sarebbe tra Mélenchon (27%) e Macron (26%) con il candidato del centrodestra, Fillon, fermo al 9%.
  • Se votassero solo gli over 65  è proprio Fillon a fare il pieno con il 39% delle intenzioni di voto: largamente primo con quasi venti punti di vantaggio sul ‘giovane’ Macron.

La situazione non cambia se, dall’età, ci si sposta verso la professione. 

Sempre secondo IFOP, ognuno dei 3 candidati principali (Macron, Le Pen e Fillon) è infatti in testa nelle preferenze di voto di almeno una classe sociale. La cosa interessante è notare quanto distanti siano gli elettori di Marine Le Pen e Emmanuel Macron in termini sociali.

  • Il Front National si conferma la prima scelta degli operai francesi con il 43%. Nessun altro candidato in nessun’altra classe sociale può vantare un risultato così alto. Marine Le Pen è anche la prima scelta degli impiegati non qualificati (31%) e dei disoccupati (35%).
  • L’elettorato di Macron è composto prevalentemente da impiegati qualificati (31%) e studenti (30%). 
  • Mentre Fillon risulta la prima scelta tra i pensionati (33%) ed i dirigenti d’impresa (26%).

Guardando al titolo di studio, si nota la stessa simmetria elettorale tra Macron e Le Pen.

  • L’ex ministro dell’Economia ottiene il suo massimo tra i laureati (31%) ed il minimo tra i non diplomati (17%).
  • È proprio per i non diplomati che la candidata del FN fa la sua migliore performance (32%), per poi perdere voti all’aumentare del titolo di studio, finendo al 10% tra i possessori di una laurea.

La 'geografia' delle elezioni

Questa frattura sociale ha un risvolto anche geografico.

  • Emmanuel Macron raccoglie una parte importante dei propri voti a Parigi e dintorni (26%) ed in zone di tradizionale radicamento del centrosinistra francese come la Bretagna (25%) e la costa occidentale della Francia.
  • Marine Le Pen ha i suoi bastioni nelle regioni orientali come l’Alsazia (31%) e la Provenza (31%).

Chiunque vinca - e già questo, come abbiamo visto, è ancora da capire - dovrà insomma fare i conti con una Francia frammentata socialmente e politicamente, e dovrà farlo già a partire dalle elezioni legislative dell’11 e 18 giugno che determineranno la composizione della nuova Assemblea nazionale.

 

 

21 aprile 2017 ©